home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Mercoledì, 21/08/2019 - 16:03

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Agosto-Settembre/2008 - Osservatorio
Liberati i domestici-schiavi della vedova dell'Emiro
di Viscardo Allegri

La Polizia federale belga ha fatto irruzione in un albergo di Bruxelles per mettere fine allo stato di costrizione al quale erano costretti i domestici della vedova di un ricchissimo emiro degli Emirati Arabi Uniti. Il fatto è accaduto all’Hotel Conrad, uno dei più lussuosi della capitale belga, dove la signora occupava l’intero quarto piano – complessivamente 54 stanze -, con le sue quattro figlie e 17 domestici. Questi ultimi - marocchini, tunisini, egiziani, sudanesi, iracheni, siriani, filippini - erano stati privati dei passaporti, non potevano mai lasciare il quarto piano dell’albergo, strettamente sorvegliato da guardie del corpo, ed erano costretti a lavorare senza sosta, giorno e notte, per un salario di 500 euro mensili.
Malgrado la sorveglianza, due domestiche sono riuscite a fuggire dal Conrad. “Una di loro è rimasta nascosta prima di incontrare un avvocato – ha detto ai giornalisti il deputato Fouad Lahssaini, entrato in contatto con la ragazza – Dopo la sua testimonianza alla Polizia federale, le è stato concesso lo status di vittima di persecuzione, e una particolare protezione. L’altra domestica è stata intercettata all’aeroporto di Bruxelles, dove cercava di imbarcarsi per sfuggire alle guardie della vedova, che aveva ordinato il suo immediato rimpatrio a Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti”.
Altri domestici avevano già tentato di fuggire, ma erano stati sempre bloccati dai guardiani. L’ambasciatore degli Emirati a Bruxelles ha subito preso contatto con le autorità belghe per risolvere il caso nella maniera più discreta possibile, mentre la direzione dell’Hotel Conrad ha declinato ogni sua responsabilità nella vicenda. La vedova e le sue quattro figlie risiedevano nell’albergo da un anno: per il loro soggiorno avevano pagato un conto di 15 milioni di euro. Dopo aver ascoltato il personale di servizio, i giudici del lavoro hanno accordato lo status di vittime ad altre 14 cameriere.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari