home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Sabato, 07/12/2019 - 07:31

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Agosto-Settembre/2008 - Osservatorio
Gli 007 britannici si lamentano dell'invadenza delle spie russe
di Viscardo Allegri

La guerra fredda è finita da un pezzo, il Kgb non esiste più (anche se a comandare è rimasto uno dei suoi capi), ma per James Bond la situazione non è migliorata. Il numero delle spie russe (non più sovietiche) in Gran Bretagna non è diminuito, anzi sembra essersi accresciuto. Gli 007 al servizio di Sua Maestà sono obbligati a concentrare talmente i loro effettivi per controllarle da essere costretti a trascurare il pericolo sempre imminente del terrorismo islamico. Lo riferiscono fonti di Whitehall, spiegando perché la Russia di Putin e Medvedev sia stata recentemente indicata come la terza principale minaccia per la Gran Bretagna, dopo al-Qaeda e l’Iran. Il governo di Londra si è lamentato di questa situazione con il Cremlino, ma senza ottenere risultati. “Il governo ha parlato con Mosca, ma la risposta è stata ‘tutti spiano tutti’”.
Insomma, un problema serio con risvolti da commedia. “Le risorse dell’MI5 – ha spiegato la fonte della sicurezza britannica – sono state impiegate fino al limite negli ultimi anni contro il terrorismo islamico, e a volte siamo rimasti senza niente nell’armadio, con tutti i nostri apparati impiegati su una sola operazione. Ma nello stesso tempo abbiamo dovuto affrontare la minaccia concreta rappresentata dai russi. La Russia è un Paese sospettato di aver compiuto un omicidio nelle strade del Regno Unito, e bisogna credere che se lo ha fatto una volta può anche rifarlo”.
Si attende ora che le autorità di Mosca aprano a loro volta il dossier dello spionaggio britannico in Russia.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari