home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Sabato, 18/11/2017 - 15:05

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio-Agosto/2017 - Analisi
Sicurezza/Lettera
La difesa in casa propria
di Lettera firmata

Gentile Direttore, mio marito ed io abbiamo “scoperto” casualmente la sua rivista e ne abbiamo apprezzato lo stile e i contenuti.
Ci rivolgiamo quindi a Lei e ai suoi esperti per tentare di trovare risposta a una domanda che, pur avendola rivolta a diversi “autorevoli” personaggi, ancora non ha trovato una fattiva risposta.
Abitiamo in un paese della cintura bolognese dove le persone si conoscono tra di loro sempre meno a causa del massiccio ingresso di nuovi abitanti. Accade che alcune persone vaghino per il paese (e non solo) con macchine di grossa cilindrata, pur apparentemente nullafacenti: ma prima di concedere le residenze (con rispettivi affitto, contratti utenze, scuole dei minori, esenzioni, diritti, ecc.) è possibile verificare la congruenza tra beni posseduti, consumi (anche voluttuari) e reddito?
Accade che furti e danni ai beni siano abbastanza (sempre più) frequenti, quali effrazioni, furto di auto e di loro parti, di biciclette, di rame e perfino di cibo..., episodi ai quali ormai siamo perlopiù rassegnati e questo la dice lunga circa il ripetersi e i mancati interventi.
Essendo delle persone non più giovani, le confesso che ci ritroviamo a fare considerazioni delle quali a volte ci vergogniamo pure.
Ma la domanda alla quale vorremmo trovare più di tutte una risposta è questa: perché si parla tanto di “diritto” all’uso delle armi per difesa personale e non si pubblicizzano o perseguono i tanti modi (anche a basso costo) per impedire l’accesso indesiderato in proprietà, case ed appartamenti in particolare?
Mi riferisco alla legalizzazione e incoraggiamento dei cosiddetti “offendicula” che potrebbero, almeno in parte, scoraggiare l’intrusione nella proprietà privata e limitare l’autodifesa più o meno armata.
Solo per citarne alcuni: raggiere acute, filo spinato, cocci di vetro sui muri di cinta, inferriate a punta viva o comunque non scavalcabili, lieve elettrificazione, e quale ultimo baluardo lo spray urticante e “segnante” al peperoncino. Molti di questi apparati dissuasivi erano largamente impiegati ai tempi dei nostri genitori e nonni, tanti lo sono anche oggigiorno per difendere caserme e abitazioni di militari o similari (non mi riferisco a installazioni militari contenenti armi e munizioni), altri sono impiegati per tenere lontani dalle case volatili o per recintare pascoli....
Ma allora, perché si vieta l’uso dello spray (ad es. a Ravenna) e le raggiere sulle tubature dell’acqua piovana (San Lazzaro di Savena) e in generale non si pubblicizzano questi mezzi di difesa “passiva”, mentre si disquisisce se sia lecito sparare o meno a un individuo già entrato nella nostra proprietà senza la possibilità di cercare di fermarlo prima con dissuasori (ben visibili e non a rischio per i bambini!)? Un tacito invito ad armarsi?
Un cordiale saluto

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SIULP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Acquista "Le arole di una nuova vita"
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari