home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Sabato, 18/08/2018 - 18:38

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio/2018 - Interviste
Immigrazione
Ogni donna deve essere libera di amare chi vuole
di Gianni Verdoliva

Intervista a Shirin Musa, fondatrice e direttrice di “Femme for
Freedom”, l’organizzazione olandese che mira ad allargare
alle immigrate i diritti di cui godono le donne in Occidente.
La campagna pubblicitaria lanciata a Rotterdam

Guardare al passato per immaginare il futuro. Trovare alleanze e cercare soluzioni per questioni complesse. Una sfida fatta sul terreno dei diritti delle donne, per la libertà a tutto campo, legislativa ma anche culturale.
Questo lo spirito di Shirin Musa, di “Femmes for Freedom”, organizzazione olandese che si prodiga per espandere alle donne immigrate, e musulmane in particolare, i diritti di cui già godono le donne in Occidente. A “Polizia e Democrazia” Shirin Musa racconta le sfide e le lotte portate avanti nel nome della libertà e dell’autodeterminazione femminile.

In cosa consiste il suo lavoro?

Cerco soluzioni per situazioni legali complesse. E lo faccio basandomi anche su quanto l’Olanda ha da offrire non solo come leggi attuali ma anche come storia legislativa.
Sessanta anni addietro, la legge che stabiliva che una donna avesse bisogno del consenso del marito per tutta una serie di attività legali e lavorative è stata abolita e nel 1971 in Olanda è stato introdotto il divorzio. Dal punto di vista legale molto è stato fatto per le donne in Olanda e si può affermare che, almeno sulla carta esista parità di diritti tra uomini e donne.

Questa situazione coinvolge anche le donne immigrate o delle minoranze etniche?

Non esattamente. Come nel mio caso. Io, pakistana, ero sposata con un mio connazionale e ora sono divorziata. Secondo la legge civile ma non secondo la tradizione islamica. Quindi io non posso andare in Pakistan, che è un Paese che non differenzia tra legge civile e legge islamica. ... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189


FOTO: Sul manifesto in alto, “In Olanda scegli tu stesso il tuo partner”
In basso,“Sentiti libero di scegliere”

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari