home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedì, 19/07/2018 - 21:19

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Febbraio-Marzo/2018 - Articoli e Inchieste
Criminalità organizzata
Quando la Mafia gi urava vendetta L’asse ’Ndrangheta - Cosa Nostra
di Sebastiano Gulisano

Negli anni del terrorismo mafioso, i boss calabresi
contribuirono alla strategia del terrore
con una serie di attentati ai Carabinieri
che dovevano contribuire
a piegare lo Stato. A Reggio Calabria,
un nuovo filone d’inchiesta
incrocia il processo di Palermo sulla Trattativa

«Giuseppe Graviano mi disse che si devono colpire i Carabinieri anche perché in Calabria altre persone si erano mosse. Difatti, in quei giorni in Calabria erano stati uccisi due carabinieri». Era il 18 giugno del 2009 quando Gaspare Spatuzza, l’ex mafioso di Brancaccio che ha svelato il clamoroso depistaggio delle indagini per la strage di via D’Amelio, ha deposto davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria che processava Consolato Villani, reo confesso degli attentati nei confronti di militari dell’Arma avvenuti in Calabria tra la fine del 1993 e l’inizio del 1994. Ed è a partire da quelle parole che la Procura di Reggio è tornata a indagare sul contesto e sul movente di quegli agguati, inquadrandoli nella «strategia della tensione» innescata dai boss corleonesi, dal 1992 al 1994, con una serie di stragi (da Capaci a Palermo, da Roma a Milano, da Firenze alla mancata strage dello stadio Olimpico contro i militari dell’Arma) che hanno scandito i tempi del passaggio dalla prima alla seconda Repubblica, per costringere lo Stato a trattare, come stanno tentando di dimostrare i magistrati della Procura di Palermo nel processo in corso nel capoluogo siciliano e ormai alle ultime battute. Secondo le indagini calabresi, scaturite dalle scarne ma precise dichiarazioni di Spatuzza, gli attentati calabresi si inseriscono nella strategia stragista di Cosa nostra siciliana, con cui erano stati concordati.
L’inchiesta della Dda di Reggio Calabria, lo scorso luglio, ha portato all’emissione di due ordinanze cautelari per il boss reggino Rocco Santo Filippone e per Giuseppe Graviano, il capo del mandamento di Brancaccio che sta scontando l’ergastolo per le stragi del ’92-’94, nonché a una serie di perquisizioni domiciliari fra le quali spiccano quelle a due ex funzionari del Sisde, Bruno Contrada e Vincenzo Aiello “faccia di mostro” (morto in agosto), coinvolti in diverse inchieste di mafia, lasciando intravedere uno scenario che coinvolge anche altri apparati dello Stato.

’Ndrangheta stragista

«La richiesta cautelare in esame rappresenta il frutto di attente e meticolose indagini, condotte dalla locale Procura distrettuale e coordinate dalla Procura nazionale Antimafia – sottolinea la gip Adriana Trapani, nell’ordinanza di custodia cautelare del 14 luglio 2017, sottoscritta anche Olga Tarzia, presidente dei gip di Reggio –, che hanno consentito, nel corso del tempo, attraverso l’apporto di nuovi e fondamentali elementi (prevalentemente fonti dichiarative) sapientemente raccordati e collegati, di individuare le causali dell’omicidio del 18 gennaio 1994 e dei due tentati omicidi dell’1 dicembre 1993 e dell’1 febbraio 1994, commessi tutti ai danni di appartenenti all’Arma dei Carabinieri, nonché di individuare alcuni dei mandanti e di ricostruire la pista e gli scopi sottesi a tali delitti.
«In particolare, il 18 gennaio 1994 venivano uccisi, sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria, all’altezza di Scilla, i Carabinieri Fava Antonino e Garofalo Giuseppe.
... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari