home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedì, 19/07/2018 - 21:18

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Febbraio-Marzo/2018 - Immagini e Cultura
Serie Tv
Lo specchio nero dell'anima
di Fabio Paglialunga

Il mondo di “Black Mirror” mostra come il furioso progresso
tecnologico possa non essere sempre compreso e gestito
dall’essere umano. Con esiti imprevedibili

“Il progresso non è nient’altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell’umanità”, disse il fisico serbo Nikola Tesla.
Partendo da questo allarmante assioma, il produttore Charlie Brooker nel 2010 partorì la brillante idea di creare una serie che avesse come argomento principale l’incedere incontrollato delle nuove tecnologie nella vita di tutti i giorni. La multinazionale Endemol fu subito entusiasta del progetto e il 4 dicembre 2011 sul canale britannico Channel Four fece il suo esordio Black Mirror, che ad oggi vanta un totale di 18 puntate distribuite in 4 stagioni, più una speciale.
La caratteristica di BM è quella di presentarci episodi auto conclusivi, con storie e attori ogni volta diversi. Il solo collegamento è quello di essere ambientati perlopiù in un futuro imprecisato, grottesco e distopico, tuttavia piuttosto simile al nostro presente. Il filo conduttore è il furioso progresso tecnologico che non sempre l’essere umano è capace di gestire, senza pagarne le conseguenze.
Mentre queste nuove tecnologie hanno spesso la funzione di catalizzatore della storia, Black Mirror non le racconta come cose particolarmente eccezionali. Sono solo strumenti per i personaggi, che compaiono perfettamente integrati accanto a oggetti meglio riconoscibili del nostro quotidiano, come smartphone, computer portatili, automobili e tostapane. Il mondo di BM mostra le persone per ciò che sono sempre state: sole, capricciose, egoiste, ma anche divertenti, strane e capaci di azioni grandiose e terribili. I prodotti di cui fanno uso le cambia in modi inaspettati e spesso problematici, ma sono sempre gli uomini a decidere come usarle.
... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari