home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Mercoledì, 17/10/2018 - 20:32

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Aprile/2018 - Articoli e Inchieste
Mafie
Gli artigli della Piovra sulle economie europee
di Marco Scipolo

L’ultimo rapporto Dia rivela che le mafie italiane oltre confine sono
ancora legate alle terre d’origine. Ecco dove e come reinvestono
i patrimoni illeciti inquinando gli altri Paesi. In aumento le richieste
‘rogatoriali’ di sequestri e confische in territorio straniero


«Le mafie di origine italiana, seppur ramificate e ormai consolidate all’estero da generazioni, non sembrano aver reciso i legami con i sodalizi storicamente presenti nel nostro Paese. La ’ndrangheta calabrese, in particolare, mantiene una struttura oltre confine fortemente legata agli “organi” di indirizzo strategico insediati nella regione di origine». È quanto si legge nella più recente relazione semestrale della Dia (Direzione Investigativa Antimafia) che affronta, tra l’altro, il tema della presenza della criminalità organizzata italiana fuori dal nostro Stato tracciando un quadro del fenomeno, aggiornato ai primi sei mesi del 2017. La Piovra, dunque, non ha perso i suoi lunghi tentacoli. Il cordone ombelicale con l’Italia – dei clan trapiantatisi altrove – non è stato tagliato. Le mafie tradizionali cavalcano i processi di cambiamento geopolitici in corso per aumentare i loro traffici a livello planetario. Sempre più dinamiche, sono orientate a massimizzare i profitti e a reinvestire nel circuito economico legale internazionale gli smisurati patrimoni accantonati con il controllo dei mercati illeciti, reso possibile grazie anche ad alleanze con associazioni criminali di altri Paesi. Nel rapporto della Dia si legge: «Alcuni Stati sembrerebbero addirittura più interessati alla portata finanziaria degli investimenti che non alla possibile illecita provenienza delle somme investite». Si registra, inoltre, un aumento del numero di richieste rogatoriali di sequestri e confische all’estero.
In Francia, da sempre territorio di latitanza per i mafiosi di casa nostra, la criminalità organizzata italiana si trova soprattutto in Provenza e in Costa Azzurra, dove coesistono anche gruppi criminali dell’ex Unione Sovietica e dell’area balcanica. Radicata nella zona, «ricicla capitali illeciti e investe nel traffico di sostanze stupefacenti». La Francia è area di transito per il traffico di droga: la cannabis giunge dal Marocco e dalla Spagna, la cocaina dall’America Latina. In Provenza e Costa Azzurra i mafiosi riciclano i guadagni del narcotraffico nel settore immobiliare e nelle strutture attinenti al turismo. Dalla vicina Liguria, alcuni esponenti della ’ndrangheta si sarebbero trasferiti in Costa Azzurra, in centri come Mentone, Nizza e Cannes dove «sarebbe attualmente presente una seconda generazione di mafiosi calabresi». È infatti conosciuta da anni la funzione di raccordo svolta dalla “locale” di Ventimiglia tra le ’ndrine dell’imperiese e le analoghe realtà situate oltre la frontiera francese. Le indagini rivelano la seguente mappatura dei clan della ’ndrangheta in Francia: a Mentone i Pellegrino; a Nizza le ’ndrine Pesce e Bellocco di Rosarno, Italiano, Papalia, Palumbo di Delianuova; a Grasse i Molè-Piromalli; ad Antibes i Palumbo e Italiano di Delianuova; a Cannes gli Stanganelli di Rosarno; a Pégomas i Pesce; a La Seyne-sur-Mer e a Ollioules i Morabito. In Costa Azzurra non mancherebbero nemmeno proiezioni della camorra, «attive nei mercati illegali del traffico di sostanze stupefacenti, nel contrabbando, nella contraffazione e commercializzazione di marchi, oltre che nell’esercizio abusivo del gioco anche online e delle scommesse clandestine». ... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari