home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Mercoledì, 17/10/2018 - 21:07

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Agosto/Settembre/2018 - Interviste
Terrorismo e Sicurezza
Nel Mediterraneo c’è un ordine in bilico
di a cura di Marco Scipolo

Attacchi jihadisti, foreign fighters, fronti caldi
e politiche di sicurezza: ne abbiamo parlato
con Francesco Strazzari, docente di Relazioni internazionali
alla Scuola superore Sant’Anna di Pisa

Terrorismo, attentati jihadisti, foreign fighters, teatri di guerra, zone di crisi, ma anche le ripercussioni di tale violenza, le reazioni e le politiche di sicurezza in Europa, senza dimenticare il modello di sicurezza che si sta imponendo e i relativi rischi. Su questi argomenti abbiamo interpellato il docente universitario Francesco Strazzari, professore associato di Relazioni Internazionali alla prestigiosa Scuola Superiore di studi universitari Sant’Anna di Pisa e affiliato al Nupi (Norwegian Institute of International Affairs) di Oslo. Laureatosi “summa cum laude” in Scienza politica, Strazzari è stato anche associato dell’Euiss (European Union Institute for Security Studies) di Parigi.
Tra i maggiori esperti di sicurezza europea e di conflitti nello spazio di prossimità dell’Europa, è autore del libro “Terrore sovrano. Stato e jihad nell’era postliberale” (ed. Il Mulino), scritto lo scorso anno con Marina Calculli. Ha firmato, tra l’altro, anche il volume “Notte balcanica. Guerre, crimine, Stati falliti alle soglie d’Europa” (ed. Il Mulino, 2008). Sono numerose, inoltre, le sue pubblicazioni scientifiche, su riviste in inglese, su temi specifici come il crimine organizzato. «Non c’è sicurezza senza diritti», ha sottolineato Strazzari nell’intervista che ci ha rilasciato.

Professor Strazzari, qual è il bilancio della cosiddetta “war on terror” proclamata dagli Stati Uniti? Il terrorismo sta avanzando o indietreggiando?

Il bilancio è piuttosto magro perché, a ormai parecchi anni da quell’autunno 2001, vediamo espandersi i fronti all’interno dei quali la tattica terrorista viene impiegata. Fronti di guerra dai quali partono poi “onde sismiche” che raggiungono anche Paesi in pace, pensiamo agli attacchi negli ultimi anni in Europa, un Continente che non è in guerra, ma che ha subito una serie di attacchi orditi a partire da scenari di guerra in Medio Oriente. A guerra si sussegue guerra, soprattutto in un arco di crisi che va dall’Estremo Oriente fino al Sahel. ... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari