home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Martedì, 18/12/2018 - 16:36

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Ottobre/2018 - Interviste
Silp-Cgil
Dubbi sul Taser alle Polizie locali
di Daniele Tissone Segretario Generale Silp-Cgil


Il Taser di cui si parla è semplicemente la marca della prima pistola elettrica brevettata negli Usa, arma propria che abbiamo introdotto nel nostro Paese in via sperimentale in ragione della legge approvata anni fa dal Parlamento che faceva appunto specifico riferimento all'introduzione del modello TaserX2 oggi commercializzato dalla ditta Axon. Si tratta di un'arma propria che stordisce il soggetto che viene attinto da due dardi che sprigionano elettricità con un voltaggio di circa 50.000 volt.
Al contrario di altri Paesi occidentali da noi la sperimentazione non è stata oggetto di alcun parere da parte del ministero della Salute nonostante esistano diversi studi che attesterebbero la pericolosità di tale arma se rivolta a soggetti cardiopatici, tossicodipenti o in stato di alterazione psicofisica. Molti Paesi, all'atto dell'introduzione, hanno modificato la legislazione vigente fino a quel momento indicando, con precisione, quando e come la pistola elettrica vada adoperata da parte del personale di Polizia. Da noi è bastato ricordare le fattispecie penali che prevedono la punibilità dell'operatore se utilizzerà lo strumento fuori dai casi consentiti da legittima difesa e uso legittimo delle armi ricordando gli inconvenienti legati alla caduta del soggetto attinto dalla scarica che potrebbe rovinare a terra con pericolose conseguenze ma sempre senza specificare - chiaramente - in quali circostanze l'arma andrebbe utilizzata. Ciò presenta evidenti rischi anche per gli stessi operatori che - attraverso una semplice firma di accettazione che fa prendere loro genericamente visione di inconvenienti e modalità d'uso - dovranno stabilire, di volta in volta, se e quando ricorrere ad essa senza incorrere in inconvenienti di sorta.
Secondo il Silp Cgil è stata troppo frettolosa tale introduzione ma non per questo riteniamo sbagliata, in generale, la sua introduzione per le Polizie a competenza generale. L'introduzione presso corpi di Polizia locale, al netto delle osservazioni precedenti che fanno emergere dubbi e problematicità di vario genere, non ci sembra in linea con le competenze di tali Corpi. La sua introduzione, allo stato, creerebbe solamente dei problemi in più per quel personale.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari