home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Martedì, 18/12/2018 - 16:33

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Ottobre/2018 - Articoli e Inchieste
I dimenticati/4
Antonio Landieri, il giovane disabile che non riuscì a scappare
di Francesco Neri

Era il 2004 e a Scampìa un commando degli “scissionisti” scambiò
sei ragazzi fermi a chiacchierare per spacciatori appartenenti
a un’altra fazione camorristica. Cinque di quei giovani furono
feriti mentre fuggivano. Antonio, che aveva difficoltà
motorie, restò ucciso


Può capitare, a volte, di trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Può capitare, a certe latitudini, che se ti trovi nel posto sbagliato nel momento sbagliato ti sparano addosso. E può capitare che se ti trovi nel posto sbagliato nel momento sbagliato e non puoi scappare perché un grave handicap ti impedisce di fuggire mentre ti stanno sparando addosso muori ammazzato.
Come è capitato ad Antonio Landieri, un ragazzo di venticinque anni, morto a Scampìa quasi quindici anni fa.
Pochi ricordano il suo nome. Pochissimi la sua storia. Quasi nessuno sa che Antonio è stato il primo disabile ucciso dalla camorra. Quella di Antonio è una storia tragica, di quelle che si vorrebbe non accadessero mai non solo perché fanno rabbia ma anche perché fanno vergognare e mettono paura.
Sei amici si ritrovano in strada per giocare, per scherzare e per passare un po’ di tempo. Come, talvolta, accade nei rioni di periferia, nelle zone lontane dal centro, nei quartieri in cui manca la movida a vivacizzare la vita delle persone e il “muretto” diventa il punto di ritrovo, un luogo anonimo e che, però, tutti nel quartiere conoscono in cui darsi appuntamento e incontrarsi per stare un po’ in compagnia e poi magari andare a bere qualcosa. ... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari