home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 24/03/2019 - 00:17

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Novembre-Dicembre/2018 - Panorama sindacale
Siap
Rinforzi in Polizia. Per il Siap “aumenti irrisori”
di Roberto Traverso Segretario generale Siap

Tranciante l’analisi del Segretario generale del Siap
sull’annuncio del Viminale relativo al prossimo
rafforzamento degli organici in Liguria: i poliziotti in più
che arriveranno in provincia di Imperia entro febbraio 2019
non sono sufficienti, inoltre non si sa come verranno
impiegati: il rischio è che non siano destinati
ai settori più in sofferenza

I conti non tornano. Intanto occorre precisare che i dati forniti dal ministro Salvini sono diversi da quelli in nostro possesso, ovvero quelli forniti ufficialmente dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza in merito ai rafforzamenti inerenti le sole questure, che effettivamente non si riferivano alle Specialità e specializzazioni della Polizia di Stato in Liguria. Secondo quanto dichiarato dal ministro Salvini, Genova avrà 29 unità in più rispetto alle 14 previste (di cui 7 ottenute dalla questura dopo il crollo del ponte Morandi), Imperia 21 rispetto a 16, La Spezia 6 rispetto a 4, mentre Savona rimane invariata con 8. Pertanto, tolte le 7 unità in più di Genova, l’aumento complessivo annunciato dal Ministro ammonterebbe a 15 uomini, che dovrebbero andare a tamponare le gravi carenze di organico in Liguria.
Un aumento a nostro parere irrisorio e insufficiente a coprire il territorio, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo per un territorio sempre più sotto pressione per il dilagare della criminalità organizzata, mentre si concentra l’attenzione mediatica sulle politiche migratorie. I settori investigativi sarebbero quelli in maggiore sofferenza nonostante l’emergenza ’ndrangheta, l’offensiva dei corrieri della droga, l’aumento dei reati nella pubblica amministrazione.
Il Ministro dell’Interno si è dimenticato di comunicare che la Liguria, nel 2016 e 2017, è stata la regione dove sono stati garantiti più servizi di ordine pubblico rispetto a tutte le altre, ovviamente con esclusione del Lazio, vista la presenza della Capitale. Un dato a dir poco anomalo, che dimostra come sia distorto l’impiego dei poliziotti su un territorio dove l’ordine pubblico continua ad essere di Polizia.
Le entusiastiche dichiarazioni del ministro Salvini sul rafforzamento della Polizia di Stato in Liguria quindi, non sarebbero altro che la comunicazione dell’integrazione dei dati che già questa estate il Dipartimento di Ps aveva divulgato, riferita alle Specialità e specializzazioni: per questo non possiamo certo ritenerci soddisfatti degli incrementi annunciati, anzi il dato è a dir poco preoccupante perché se non ci saranno reali e concreti rinforzi, molte realtà operative, nell’arco di poco tempo non potranno garantire gli attuali carichi di lavoro perché pesantemente falcidiate da una media anagrafica altissima (in Liguria risulta di 50 anni) e da un aumento esponenziale dei pensionamenti.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari