home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 19/05/2019 - 23:07

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio-Febbraio/2019 - Interviste
Ancora su Stefano Cucchi
Intervista a Ilaria Cucchi
di a cura di Benedetta Casaretti

“Se si crede in qualcosa e si sa che si è nel giusto bisogna andare
avanti. Prima della giustizia deve venire alla luce la verità”

Chi era Stefano Cucchi prima di quel 15 ottobre del 2009. giorno in cui fu fermato dai Carabinieri?

Stefano era un ragazzo buono e generoso. Si preoccupava sempre per gli altri, era molto protettivo. Era una bella persona solare. Chiunque lo ricorda con il sorriso. Non era perfetto naturalmente, come nessuno di noi, e aveva le sue fragilità e le sue insicurezze.

Perché è successo tutto questo? Perché lo Stato non ha saputo proteggere Stefano o semplicemente rispettarne i diritti di cittadino posto in custodia cautelare?

Perché Stefano era un ultimo ed è morto come ultimo tra gli ultimi, di indifferenza e di pregiudizio, dietro il quale non hanno saputo vedere l’essere umano.

Come mai, tra tutte le persone incontrate in quei giorni tra medici, giudici e consulenti, nessuno, in merito alle condizioni fisiche di Stefano, gli ha mai chiesto che cosa gli fosse successo?

Forse in qualche maniera in alcune realtà si è abituati a rapportarsi con queste situazioni. Stefano ha denunciato più volte di essere stato picchiato ma hanno prevalso le procedure burocratiche.

Cosa è cambiato nello svolgimento di questa vicenda dopo la svolta di ottobre e le dichiarazioni di Tedesco?

Quelle di Tedesco sono dichiarazioni forti, riscontrate e confermate dalle testimonianze emerse in questo secondo processo. E’ un quadro inquietante la descrizione di come è avvenuto questo pestaggio, per anni negato e che oggi viene finalmente alla luce. ... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari