home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 24/03/2019 - 00:19

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio-Febbraio/2019 - Articoli e Inchieste
Carceri
Edilizia penitenziaria e sovraffollamento: emergenza perenne
di Federico Olivo - Ispettore capo della Polizia Penitenziaria

Una cosa è certa:bisogna
costruire nuove carceri.
Le pene non possono consistere
in trattamenti contrari al senso
di umanità e devono tendere
alla rieducazione del condannato

Il sovraffollamento delle carceri in Italia è in calo. Non ci credete? Eppure è così. Ma ha ragione anche chi sostiene il contrario gridando all’emergenza. Com’è possibile? Semplice: dipende da cosa si guarda, da quale prospettiva lo si osserva e, soprattutto, quale arco temporale si vuole prendere in considerazione.
I detenuti presenti nelle carceri italiane sono in calo perché le persone ristrette negli istituti penitenziari per adulti, al 30 novembre 2018, erano 60.002 mentre secondo l’ultima rilevazione ufficiale disponibile, pubblicata dal Ministero della Giustizia il 31 dicembre 2018, i detenuti erano 59.655, in calo dello 0,58%. Una percentuale bassa ma pur sempre in calo. E questa è la prima stranezza. Da un decennio le rilevazioni delle presenze dei detenuti di dicembre sono in calo rispetto al mese di novembre, per poi risalire a gennaio dell’anno successivo. Dipende forse da una maggiore benevolenza nel concedere permessi premio ai detenuti? No, perché sarebbero comunque conteggiati. Minori arresti? Maggiori scarcerazioni? Nessuno è ancora riuscito a spiegarlo.
Il numero dei detenuti presenti è in aumento. Dallo scorso anno sono aumentati di 2.047 unità; il 31 dicembre 2017 infatti erano 57.608, con un incremento del 3,43%. Sono in aumento dal 31 dicembre 2015 (52.164 presenze) da quando cioè sono scaduti i termini di applicabilità della liberazione condizionale “speciale” del Governo Monti, Ministro Severino, con un incremento medio mensile dello 0,4%. Fino ad allora, Governo e Parlamento italiano, a partire dai mesi successivi al gennaio 2013, mese della condanna dell’Italia da parte della Corte EDU per il troppo sovraffollamento, avevano messo in atto una serie di misure per ridurre le presenze nelle carceri ed aumentare i posti disponibili.
Ma allora le carceri italiane sono sovraffollate o no? ... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari