home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 24/03/2019 - 00:11

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio-Febbraio/2019 - Articoli e Inchieste
Religione
Quando abbandonare la fede nell’Islam diventa pericoloso
di Gianni Verdoliva

“Se sei conosciuto pubblicamente
come ex musulmano,
la vita può essere molto dura”

Mohamed Thasleem e Cemal Knudsen Yucel: nome fittizio il primo, vero il secondo. Entrambi ex-musulmani, leaders delle organizzazioni di ex-musulmani nelle rispettive nazioni, lo Sri Lanka e la Norvegia. Due voci, lontane geograficamente ma accomunate dal vissuto, intimamente lacerante e difficile, che li ha portati ad abbandonare la fede di origine, l’Islam. Una scelta fino a pochi anni addietro considerata impossibile. Eppure, malgrado l’insorgenza dell’estremismo islamico sia nei paesi a maggioranza musulmana che in occidente, una piccola ma nutrita minoranza di persone comincia a uscire allo scoperto, manifestando visibilmente la propria apostasia.
Rischiando anche la vita per questo. Perché, come ricorda Cemal Knudsen Yucel, sono tuttora tredici i paesi al mondo in cui chi abbandona la propria fede è punito con la morte.
Gli ex-musulmani, con la loro stessa esistenza e con le loro scelte dettate dal libero arbitrio, sfidano e infrangono un tabù atavico: quello dell’impossibilità di lasciare l’Islam, poco importa se per una nuova religione, che sia il cristianesimo o altro, o per l’ateismo o per l’agnosticismo.
“Ho amici che hanno abbandonato il buddismo o l’induismo e questo non è un problema” racconta Mohamed Thasleem, rimarcando la differenza tra le reazioni, assenti o innocue, di chi lascia altre fedi e il reale pericolo vissuto da chi è un apostata dell’Islam.
Differenza di trattamento che sfocia in un sentimento di frustrazione: “Quelli che abbandonano la fede cristiana non rischiano nulla, possono criticare Gesù senza problemi. Eppure continuano a parlare delle crociate, dell’inquisizione, di cose ormai passate e superate. Se sei di cultura cristiana e critichi la tua religione va bene ma non è così per noi che veniamo dall’Islam. Loro hanno la libertà di criticare la loro religione di origine, per noi invece è pericoloso”. ... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari