home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 24/03/2019 - 00:12

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio-Febbraio/2019 - Panorama sindacale
Domodossola: "La nostra linea sindacale per mantenere aperta la Polstrada domese era giusta e doverosa"
di Domenico Gallotti Segr. gen. prov. Siulp Verbano Cusio Ossola

Questa Segreteria provinciale è da sempre in prima fila per la difesa dell’importantissimo presidio della Specialità della Polizia Stradale domese, unitamente all’eterogenea compagine politica del territorio in questione che, in questi anni, ha dimostrato vicinanza a questo sindacato nella solitaria lotta di salvaguardia dell’Ufficio in questione e dello scongiuramento della sua chiusura, più volte annunciata. Ciò, nonostante la conferma, ufficiosa di chiusura poco più di un anno fa, al componente del direttivo nazionale Siulp Tommaso Di Gaudio, dall’attuale dirigente del Compartimento Polizia Stradale Piemonte e Valle d’Aosta dott.ssa Maria Dolores Rucci.
Invece, la notizia della risposta ricevuta dall’on. Enrico Montani, al ministero dell’Interno Dipartimento di Pubblica Sicurezza, da parte del direttore centrale del Sevizio Polizia Stradale, Ferroviaria, Frontiera e Telecomunicazioni, prefetto Roberto Sgalla, del definitivo scongiuramento della chiusura dell’Ufficio domese, della sua “remotizzazione” (più volte richiesta da questa organizzazione sindacale per renderlo maggiormente operativo) e del suo rafforzamento in termini numerici di personale, ci rallegra e ci conforta il fatto che la linea politico/sindacale del Siulp, il mantenimento e non chiusura della PolStrada domese era, oltre che doverosa, giusta e condivisa.
Il Siulp, fin dall’inizio, è stato fermamente convinto che il progetto di chiusura di 270 uffici della Polizia di Stato dell’allora ministro dell’Interno pref. Annamaria Cancellieri (governo Monti) - che comprendeva anche la chiusura di 40 Prefetture, Questure, Comandi provinciali dell’Arma, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria e Corpo Forestale dello Stato - fosse profondamente sbagliato e strategicamente autolesionista. In questo nefasto progetto era incappato anche l’Ufficio della Polstrada domese che, oggi, sembra definitivamente essersi sottratto dalla “spada di damocle” che incombeva su di esso. Confidiamo nella soddisfazione e nella fiducia finora dimostrataci dalle lavoratrici e dai lavoratori di Polizia della Polstrada domese, che ci hanno sostenuto sempre in questa battaglia.
Il Siulp verbanese, in attesa di visibili e reali sviluppi favorevoli della vicenda, manterrà lo stato di agitazione fino alla risoluzione definitiva della vertenza domese.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari