home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 24/03/2019 - 00:20

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio-Febbraio/2019 - Immagini e Cultura
Fiction/Tv
La violenza brutale di un uomo fragile
di Fabio Paglialunga

Ispirato al delitto del Canaro
della Magliana Dogman, l’ultimo
film di Matteo Garrone


Nero. Poi le fauci di un cane enorme e furioso squarciano lo schermo. Pochi secondi e l’inquadratura si allarga sulla fragile figura di un uomo che cerca di ammansirlo; è minuscolo e la sua voce è dolce e quasi femminea. Ma sembra avere un potere magico e consolatorio sul molosso incatenato.
Comincia così Dogman di Matteo Garrone, un incipit quanto mai allegorico e anticipatorio di quella che è la sinossi del film; un moderno Davide contro Golia, un contrasto continuo tra rabbia e repressione dei sentimenti, alla ricerca di una ragione di vita che non sia solo sopravvivenza a se stessi.
Siamo al confine tra il Lazio e la Campania, un paesaggio di frontiera apocalittico e fuori dal tempo (location in parte usata anche per Gomorra e L’imbalsamatore, sempre di Garrone). L'atmosfera è brutalmente spoglia, trasuda solitudine e desolazione. La fotografia di Nicolaj Bruel estremizza una tavolozza cromatica impostata su colori freddi e lividi. La periferia, le strade sporche, gli ambienti catturati dalla macchina da presa potrebbero rappresentare gli anni 50-60, come anche quelli di un futuro distopico. E invece il tempo della storia è tristemente radicato ai giorni nostri. Un non-luogo al limite del surreale, insomma, dove le diverse vite di Marcello e Simoncino si incontrano e si intrecciano. Il primo ama il proprio lavoro di toelettatore e la figlioletta Alida ma ha una pericolosa attrazione per la criminalità, che alimenta con una piccola piazza di spaccio; il secondo è un energumeno che terrorizza a suon di testate e cazzotti tutto il quartiere. Nei suoi confronti Marcello ha un rapporto di totale dipendenza, non riesce a dirgli mai di no. Ma, dopo l’ennesimo torto subìto, decide che è il momento di reagire.
... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 58331846

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari