home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Venerdì, 19/07/2019 - 17:15

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Aprile-Maggio/2019 - Panorama sindacale
SIm - Sindacato italiano militari Guardia di Finanza
Sindacati militari: applichiamo la Costituzione
di I fondatori del SIM

Qualche giorno fa, il 15 marzo, abbiamo fondato a Roma il Sindacato Italiano Militari della Guardia di Finanza. La data è simbolica, perché quel giorno si festeggia San Longino martire, il soldato romano che, dopo la morte di Gesù, si convertì al cristianesimo. Secondo la tradizione, Longino subì il martirio per essersi rifiutato di dichiarare che i discepoli avevano rubato il corpo di Gesù mentre i militari posti di guardia si erano addormentati. La vicenda è raccontata dall’evangelista Matteo (Mt. 28, 13-15).
Noi non abbiamo certo la pretesa di fare gli evangelizzatori ma semplicemente di applicare la Costituzione.
L’anno scorso una storica sentenza della Corte Costituzionale ha finalmente cancellato l’inspiegabile divieto di sindacalizzazione, stabilito in una norma del codice dell’ordinamento militare che di fatto impediva alle Forze armate di informarsi allo “spirito democratico della Repubblica”, come invece prevede l’art. 52 della Costituzione. Non è difficile comprendere quanto possano essere dannosi – persino pericolosi per la stessa democrazia – il comando sbrigliato, l’esercizio del potere senza freni e la disciplina militare non opportunamente mitigata. La militarità – garanzia di efficacia ed efficienza – non deve mai tradursi in una compressione eccessiva dei diritti civili e sociali, né tantomeno favorire comportamenti in contrasto col bene comune. Guai se prevalgono interessi particulari su quelli dello Stato!
Grazie alla Corte Costituzionale tutti i militari possono oggi tutelare meglio e direttamente i propri interessi collettivi, senza dover attendere slanci paternalistici. Tuttavia non è sufficiente che ci si possa organizzare in sindacati. Ora è necessario che anche il legislatore faccia la sua parte, introducendo una specifica disciplina legislativa che non vanifichi questa svolta epocale. Dopo aver vissuto per settant’anni in una condizione di incostituzionalità di fatto, i militari italiani meritano adesso una normativa soddisfacente. Per Carabinieri e Guardia di Finanza, in particolare, essa deve essere quantomeno uguale a quella in vigore per la Polizia di Stato. Attendiamo fiduciosi.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari