home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedì, 14/10/2019 - 13:28

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Agosto - Settembre/2019 - Articoli e Inchieste
Diritti umani
I nuovi intoccabili
di Gianni Verdoliva

Storie contemporanee di discriminazione di casta, ritenute ormai
retaggio del passato, arrivano dal Regno Unito dove i Dalit, oggi, sono
ancora trattati da paria dalle altre caste, mentre il governo rifiuta
di prendere posizione

“Il pregiudizio e la discriminazione basati sulla casta sono una flagrante violazione dei diritti umani e non devono essere tollerati. Tutti gli individui hanno il diritto a essere protetti contro la discriminazione sulla base della loro casta o della casta percepita, nello stesso modo con cui ciò avviene sulla base della razza o del genere”.
A pronunciare queste parole non è stato un politico o ministro indiano, ma la parlamentare Labour Shown Butler, ministro ombra per le donne e l’eguaglianza.
Perché la discriminazione basata sulla casta, non è un fenomeno sociale ormai desueto e appartenente a mondi lontani, ma è ben presente anche nel mondo occidentale, all’interno delle comunità appartenenti alla diaspora indiana emigrate nel Regno Unito.
Come riporta lo studio di Hilary Metcalf e Heather Rolfe, effettuato nel dicembre del 2010, per conto del National Institute of Economic and Social Research, le problematiche legate alla casta sono concentrate tra la popolazione originaria del subcontinente indiano a cui appartiene il 5% della popolazione britannica. Lo studio, commissionato per comprendere se la discriminazione basata sulla casta potesse o meno essere incluso nelle altre categorie protette dall Equalities Act del 2010, suggerisce che, vista la specificità del concetto di casta e della realtà etnica e culturale a essa collegata, sarebbe auspicabile che il concetto di casta venisse esplicitamente menzionato tra le categorie protette dalla discriminazione.
[...continua...]

leggi l'articolo completo. Abbonati a Polizia e Democrazia

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
Siamo su facebook!
COLLABORATORI
 
 
SILP
 
SILP
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it è una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari