home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 22/10/2020 - 22:33

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Agosto-Settembre 2020/2020 - Panorama sindacale
Notizie sindacali
Carceri: La Polizia Penitenziaria nella DNAA può essere la risposta alle scarcerazioni
di Uilpa

«Momento storico per il Corpo di Polizia Penitenziaria che, per la prima volta, il prossimo 10 settembre, entrerà a far parte della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo con un nucleo, composto inizialmente da sette unità, che sarà di supporto al Procuratore nazionale».
Plaude all’evento, reso possibile dalla legge 132/2018, Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria, che spiega: «a partecipazione alle attività della DNAA della Polizia Penitenziaria, seppur con un contingente di donne e uomini ancora esiguo nell’entità numerica, costituisce un passaggio essenziale per l’evoluzione del Corpo, ma soprattutto potrà dare al Paese un contributo fondamentale nelle lotte alle mafie e al terrorismo anche internazionale. Pochi conoscono le mafie e i processi di radicalizzazione di matrice islamica come i poliziotti che operano nelle carceri e monitorano ogni istante della vita di boss e terroristi».
«Anche per tali ragioni – aggiunge il leader della UILPA Polizia Penitenziaria –, senza voler entrare in polemiche che ci sono apparse talvolta strumentali e fuorvianti, pensiamo che questa possa essere la prima risposta del Corpo di Polizia Penitenziaria alle scarcerazioni e ai permessi accordati ai boss, laddove è espressamente previsto il coinvolgimento del Procuratore antimafia e antiterrorismo nei pertinenti procedimenti».
«Fermo restando – conclude De Fazio – che risponde a canoni di civiltà, irrinunciabili per un Paese civile e per chi ne rappresenta e ne difende le Istituzioni, rendere le strutture carcerarie idonee, efficienti e salubri per tutelare compiutamente il diritto alla salute nei confronti di chiunque e, non ultimi, degli stessi operatori che vi prestano servizio».

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari