home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 21/09/2020 - 06:27

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

 
 
Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio/2008 - Libri
I libri del mese
di

La Costituzione tradita raccontata dagli “addetti ai lavori”

Alcuni tra i più famosi scrittori della giustizia italiana – magistrati e agenti delle Forze dell’ordine – mettono alla prova la nostra Costituzione: prendendo spunto dai suoi singoli articoli, ci raccontano un Paese in cui nulla è scontato, nemmeno l’applicazione dei principi stessi che sono alla sua base.
Un viaggio a tinte noir per scoprire un’Italia in cui le ombre non si annidano solo fra il malcostume e la criminalità, ma soprattutto nell’oblio della Costituzione stessa. Un percorso tra le storture del sistema e l’assenza di democrazia, laddove vengono continuamente sovvertiti gli articoli previsti dal nostro massimo statuto: le libertà personali sono violate (art. 13), la stampa è censurata (art. 21), i cittadini non hanno pari dignità né uguaglianza di fronte alla legge (art. 3), il lavoratore non ha diritto a una retribuzione proporzionata né sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa (art. 36).
Omicidi efferati, misteriosi ritrovamenti di cadaveri, ricatti, corruzione e indagini deviate all’ombra del vessillo del Belpaese. Un’antologia noir per celebrare i 60 anni della Costituzione italiana raccontandone il tradimento e l’oblio cui essa è sottoposta ogni giorno in Italia, e la difficoltà che i tutori dell’ordine incontrano quotidianamente nel difenderla e nel tentare di farla applicare.

Racconti di Alessandro Cannevale, Marco De Franchi, Piergiorgio Di Cara, Girolamo Lacquaniti, Simona Mammano, Mauro Marcialis, Angelo Marenzana, Maurizio Matrone, Ugo Mazzotta, Carmelo Pecora, Marco Pelliccia, Giovanni Sicuranza, Piernicola Silvis, Sergio Sottani, Andrea Testa, Gianpaolo Trevisi. A cura di Sabina Marchesi e Lorenzo Trenti. Prefazione di Giancarlo De Cataldo.

A.A. V.V.
LA LEGGE DEI FIGLI
MeridianoZero ed.
pagg. 256 L 14
_______________________
Sindacato come multinazionali

Isindacati sono oggi nel pieno di una profonda crisi di legittimità. Lo strapotere e l’invadenza delle tre grandi centrali confederali, e le sempre più scoperte ambizioni politiche dei loro leader, hanno prodotto un senso di rigetto. L’immagine del sindacato come di un soggetto responsabile, capace di interpretare gli interessi generali, si è dunque dissolta. E ha lasciato il posto a quella di una casta iperburocratizzata e autoreferenziale che ha perso il contatto con il Paese reale. L’autore punta l’obiettivo sul processo di degenerazione che il ruolo del sindacato sembra aver dimenticato. I fatturati miliardari, i bilanci segreti e il loro sterminato patrimonio immobiliare fanno dei sindacati italiani una macchina di potere di denaro temuta perfino dai partiti.

Stefano Liviadotti
L’ALTRA CASTA
Bompiani ed.
pagg. 326 L 15
__________________________
Chi è Salomone?

Una sbiadita falce di luna filtra dalle inferriate di una finestra e illumina il volto spaventato di una bambina. La piccola Carol è rinchiusa in una baracca. Ha paura, perché è sola. Dov’è suo fratello? L’agente dell’Fbi Craig Dabecourt è tornato in attività dopo un brutto incidente in missione che gli ha cambiato la vita. Ora si troverà ad affrontare il caso più difcile, imbattendosi nell’assassino più feroce, dentro una New York scura e piovosa. Un assassino di bambini. In un clima tetro e claustrofobico, l’Fbi dà la caccia al serial killer soprannominato Salomone. Un’architettura narrativa abilmente congegnata coinvolge il lettore e scuote la sua coscienza di fronte a una scelta angosciante e impossibile, che implica un dolore e un rimorso eterni.

Andrea Novelli e Giampaolo Zarini
PER ESCLUSIONE
Marsilio ed.
pagg. 529 L 19,50
______________________________
Ricchi sfondati

E’ nato un nuovo Paese. Si chiama Richistan, è più grande del Belgio, e incredibilmente ricco.
Il suo cuore è negli Usa, ma pulsa in tutto il mondo. I suoi abitanti sono dieci milioni di nuovi ricchi. Guadagnano decine di milioni di dollari all'anno, hanno case da 91mila metri quadrati, yacht lunghi 120 metri, Boeing privati con tavole del water in oro zecchino, spendono 1 milione di dollari per un orologio e possono pagare il maggiordomo 200mila dollari l'anno. Non vengono da famiglie Old Money. Si son fatti da sé, velocemente, lavorando 18 ore al giorno, spesso creando e vendendo le loro società con la stessa disinvoltura con cui si gioca a Monopoli.
Una cronaca in prima persona sulla classe che sta ridisegnando l'economia e i consumi mondiali.
Robert Frank
RICHISTAN. COME I RICCHI SFONDATI
SPENDONO I LORO FANTASTILIONI
Isbn ed.
pagg. 236 L 15
____________________________
Italia naufraga?

Dall'attività legislativa farraginosa agli ordini professionali chiusi per i giovani, dal declino delle Università-fai-da-te alle rivolte di mille corporazioni, dalle ottusità sindacali ai primari nominati dai partiti: l'Italia appare ormai alla deriva. Un Paese che una classe politica prigioniera delle proprie contraddizioni e dei propri privilegi non riesce più a governare. È la tesi degli autori: quella Casta, denunciata nel libro che ha rappresentato il più importante fenomeno editoriale degli ultimi anni, non è soltanto sempre più lontana dai cittadini ma è il sintomo di un Paese che non sa più progettare e prendere decisioni forti. E il confronto con gli altri Paesi, senza una svolta netta, coraggiosa, urgente, si fa di giorno in giorno così impietoso da togliere il fiato.
Gian Antonio Stella - Sergio Rizzo
LA DERIVA. PERCHE’ L’ITALIA
RISCHIA IL NAUFRAGIO
Rizzoli ed.
pagg. 305 L 19,50
_______________________________
I percorsi dei migranti

Il tema delle migrazioni è ormai da alcuni anni al centro del dibattito pubblico europeo. Esse sono da molti considerate come uno degli aspetti cruciali della globalizzazione.
Scavando nei ricordi del mondo dei migranti e in circa trent'anni di ricerche, l'autore affronta i molteplici aspetti che riguardano le emigrazioni e le immigrazioni.
Grazie a continue incursioni in fatti storici poco noti e ad alcune biografie di personaggi emblematici, il volume diventa anche una gustosa narrazione delle ibridizzazioni proprie delle mobilità umane, senza perdere nulla del rigore scientifico
Salvatore Palidda insegna Sociologia generale all’Università di Genova. È l’autore di Polizia postmoderna (Feltrinelli 2000).

Salvatore Palidda
MOBILITA’ UMANE - INTRODUZIONE
ALLA SOCIOLOGIA DELLE MIGRAZIONI
Cortina Raffaello ed.
pagg. 211 L 19,50

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari