home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 25/05/2020 - 03:26

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio/2008 - Laboratorio
Punito per una lettera
di Enzo Jorfida - Responsabile settore

Si può andare in camera di rigore per una lettera inviata al proprio Comandante? Sembrerebbe che questa è la sorte che ha colpito un sergente, delegato Cobar del 6° Reggimento Trasporti di stanza a Budrio (Bo), la Commissione di Disciplina il 27 dicembre lo ha ritenuto colpevole di “lesa maestà”, condannandolo a sette giorni di rigore (già appellata).
Il caso è relativo ad una lettera di “supplica” al Comandante del Reggimento nella quale esprimeva tutta la propria amarezza e delusione per la bocciatura, da parte dello Stato Maggiore, della richiesta di trasferimento per gravi motivi di un Caporal Maggiore, utilizzando una legge dello Stato che consente anche ai lavoratori con le stellette di poter aiutare i familiari (il padre è allettato da tempo a causa di una gravissima malattia e sopravvive solo grazie al respiratore artificiale, mentre la madre è invalida al 75% e non è in grado di accudire il marito). Ma come - scrive il sergente - andiamo in giro per il mondo a portare aiuti umanitari e poi a noi non viene riconosciuto nessun diritto umanitario? Il caporal maggiore ha anche scritto al ministro della Difesa per poter essere ricevuto ed esporre il drammatico caso (il tutto avviene nel rispetto del Regolamento, dopo il rifiuto dello Stato Maggiore) ma ancora non ha avuto una convocazione.
Il sergente, delegato Cobar, dovrebbe essere tutelato dalla legge n° 382/1978 che prescrive: “Sono vietati gli atti diretti comunque a condizionare o limitare l'esercizio del mandato dei componenti gli organi di rappresentanza militare”. Questa è purtroppo una delle tante storie che colpiscono i militari dell’Italia, le cui Forze armate si “conformano allo spirito democratico della Repubblica” ma sono abbandonati dallo Stato, senza avere risposte per l’uranio, per l’amianto, per tanti altri gravi motivi - come quello sopra descritto - e chi cerca di tutelarli viene addirittura perseguito.
Egregio signor comandante, quella del delegato Cobar era una richiesta di aiuto e solidarietà. Gli dia una risposta positiva e lasci perdere la disciplina militare. Egregio signor Ministro, riceva il caporal maggiore e dimostri tutto il suo spirito umanitario, facendo onore al giuramento che ha prestato davanti al Presidente della Repubblica.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari