home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 05:12

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Febbraio-Marzo/2008 - Osservatorio
Polemiche in Cina per la multa sul secondo figlio
di Viscardo Allegri

Multe più salate di quelle attuali per i Vip che violano la legge sul figlio unico sono state chieste dalla municipalità di Pechino. “Le persone celebri e ricche devono essere tassate più pesantemente dei cittadini normali se hanno più di un figlio”, ha dichiarato Deng Xingzhou, capo della commissione municipale per la pianificazione familiare di Pechino. Secondo un sondaggio effettuato dal Quotidiano della Gioventù Cinese, il 44,6% dei cittadini ritiene che la legge sia discriminante sul piano economico nei confronti dei meno abbienti.
La legge che impone alle coppie cinesi di avere solo un figlio è in vigore dalla fine degli anni Settanta, e prevede che i trasgressori paghino delle multe il cui ammontare viene stabilito dalle autorità locali. Sulla stampa è stato riportato il caso del calciatore Hao Haidong, che guadagna cinque milioni di yuan (equivalenti a 500.000 euro) all’anno, al quale è stata imposta una multa di cinquantamila yuan, considerata troppo bassa dato il suo status economico. La regola generale è che le multe possano essere al massimo superiori di dieci volte al reddito procapite della regione: a Pechino il reddito medio è di quasi 22mila yuan all’anno.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari