home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 09:37

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Aprile/2008 - Osservatorio
A Whashington niente pugnale per i sikh e salta l'incontro con il Papa
di Viscardo Allegri

La comunità dei sikh – appartenenti a una religione nata in India nel 1600 - residenti negli Stati Uniti hanno dovuto rinunciare a partecipare all’incontro interreligioso organizzato in aprile in occasione della visita di Benedetto XVI negli Stati Uniti. I responsabili dei servizi segreti americani, che devono assicurare la sicurezza durante la permanenza del Papa, hanno infatti chiesto ai membri della delegazione sikh di rinunciare al kirpaan, il pugnale che fa parte dell’abbigliamento rituale della loro etnia, ma questi si sono rifiutati di farlo. “Il World Sikh Council (Wsc) esprime la sua delusione profonda per il fatto che il Servizio segreto non ha potuto venire incontro alla fede sikh”, e fa appello al rispetto dei diritti e delle libertà religiose della comunità sikh”, è stato il commento dell’organismo che rappresenta negli Usa gli appartenenti a quel culto.
Anahat Kaur, segretario generale del Wsc ha dichiarato: “Dobbiamo rispettare la santità del kirpaan, soprattutto in questo tipo di incontri interreligiosi. Non possiamo violare i diritti e le libertà della religione in nome della sicurezza. Papa Giovanni Paolo II incontrò in Vaticano i sikh che indossavano il loro kirpaan”. Anche la Conferenza episcopale statunitense ha fatto pressione affinché ai sikh fosse consentito di portare il loro pugnale. “I kirpaan – hanno cercato di spiegare i sikh – rappresentano il nostro impegno a resistere all’opressione e all’ingiustizia, ma solo in forma difensiva, mai per dare inizio a un conflitto”. Evidentemente questi argomenti non hanno convinto i Servizi segreti americani, molto sensibili in materia di sicurezza, soprattutto quando questa si incrocia con temi religiosi. E forse qualcuno non ha dimenticato che nel 1984 la presidente indiana Indira Gandhi fu uccisa da due sue guardie del corpo, due sikh.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari