home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 09:50

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio/2008 - Osservatorio
Statali iraniani coniugati o licenziati
di Viscardo Allegri


Vietato essere single, per maschi e femmine, se si vuole conservare il posto di lavoro: è la regola che alcuni burocrati dell’Iran degli ayatollah hanno escogitato per difendere “la morale e la religione”. L’ordine di sposarsi è stato rivolto ai dipendenti di un Ente statale, e la notizia è stata data dal quotidiano conservatore di Teheran Kihan senza citare il nome dell’azienda che lo ha emanato. Il giornale riformista Etemad riporta invece il testo della circolare firmata dal “Responsabile della sicurezza della zona industriale di Pars”, nel sud-ovest del Paese, dove si trovano importanti giacimenti petroliferi.
Il testo della circolare è un vero e proprio ultimatum: “Annunciamo per l’ultima volta a tutti i colleghi maschi e femmine di avere a disposizione fino al 21 settembre prossimo per compiere il dovere morale e religioso di sposarsi”. Malgrado questa severa sollecitazione, secondo quanto riferisce Etemad, l’ordine di matrimonio non è stato accolto favorevolmente dai dipendenti dei due sessi, e una fonte interpellate dal giornale ha spiegato che “alcuni dei nostri colleghi, purtroppo, non hanno aderito all’invito, e, contrariamente alla politica della zona industriale, sono ancora celibi”.
Comunque la direzione ha fissato come ultimo termine per convolare a nozze (giuste o no che siano) il 22 ottobre: dopo quella data chi sarà ancora senza una moglie o un marito, sarà licenziato, senza appello.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari