home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Mercoledí, 03/06/2020 - 01:00

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio/2008 - Osservatorio
Riuniti in una caverna in attesa dell’Apocalisse
di Viscardo Allegri


Piotr Kusnetzov, il “santone” aveva annunciato che la fine del mondo era fissata per il 27 maggio scorso, e all’inizio del novembre 2007, sotto la sua guida 37 persone (uomini, donne, bambini) si erano raccolti nel villaggio Nikolskoie, nel sud-est della Russia, dopo essersi liberati di ogni accessorio della vita moderna, compresi i documenti d’identità, per attendere così purificati l’Apocalisse. La Polizia, allertata dagli abitanti del villaggio, si era recata a Nikolskoie, ma i “millenaristi” avevano lasciate le abitazioni dove alloggiavano per asserragliarsi in una grande caverna della quale avevano bloccato l’accesso. L’unico presente era Kusnetzov, che aveva spiegato di essere rimasto fuori perché destinato a “un’altra missione”.
Dato che con i membri della setta vi erano anche dei bambini di pochi anni, i poliziotti si erano avvicinati alla grotta chiedendo di poter entrare, ricevendo un deciso rifiuto. Da allora era cominciato un lungo assedio, mentre i “millenaristi” minacciavano di darsi fuoco con il kerosene portato per riscaldarsi in caso di irruzione. Il 25 marzo dalla caverna erano stati sparati dei colpi di fucile, e qualche giorno dopo all’interno si producevano dei crolli. Due donne erano morte, una di stenti e l’altra per un cancro, altre sette erano fuggite spaventate, una ventina di persone avevano seguito il loro esempio. Infine, il 16 maggio, la pPolizia è riuscita a entrare nella caverna, dove erano rimasti solo nove adepti.
Il “santone”, dichiarato malato di mente, è stato ricoverato in ospedale gravemente ferito alla testa, forse aggredito da alcuni suoi “millenaristi” furiosi per essere stati ingannati; comunque è stato accusato di istigazione all’odio religioso, e di aver messo in pericolo la vita dei suoi seguaci.
In Russia, dalla caduta del regime sovietico, il fenomeno dei “santoni”, che ripropongono il modello del famigerato Rasputin di epoca zarista, e delle sette da loro guidate, è in piena espansione, malgrado che per contrastarle sia stata varata un’apposita legge. Qualcuna però gode della benevolenza del potere, come quella che si proclama “La Russia che risorge”: i suoi adepti venerano Vladimir Putin, ritenendolo una reincarnazione di San Paolo.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari