home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Sabato, 08/08/2020 - 10:31

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Ottobre-Novembre/2008 - Contributi
Novità dalla Francia
di Massimo Buggea

La “Posizione Comune” è il nome dell’accordo siglato tra organizzazioni sindacali ed organizzazioni imprenditoriali il 9 aprile scorso in Francia.
Sottoscritto dai cinque sindacati rappresentativi secondo la normativa vigente e da tre associazioni di imprenditori, il documento rappresenta la base per la creazione di un testo legislavito che andrà a modificare il sistema delle relazioni industriali francese. Il progetto di colloca nell’ambito del programma enunciato dal presidente Nicolas Sarkozy che prevede, fra l’altro, la riforma delle regole attualmente vigenti sia per l’organizzazione interna dei sindacati sia per le modalità della contrattazione.
Le organizzazioni sindacali firmatarie dell’accordo sono quelle per cui attualmente vige la “presunzione di rappresentatività” sulla base di norme ed accordi che risalgono al 1950 ed al 1966.
La futura legge partirà quindi dai sette criteri delineati nella “Posizione Comune” per valutare quando un sindacato sia o meno rappresentativo: 1) il numero degli iscritti e la quota di adesione; 2) la trasparenza finanziaria; 3) la fedeltà ai valori repubblicani; 4) l’indipendenza; 5) la rilevanza connessa all’attività (in relazione alla diffusione sul territorio); 6) l’anzianità di almeno due anni; 7) il seguito elettorale nella consultazione d’impresa.
Il primo ed il quarto di questi criteri vengono già adottati, mentre l’anzianità prevista al punto 6, già contemplata nel Codice del Lavoro francese, necessitava soltanto dell’individuazione di una soglia temporale minima.
La trasparenza nella contabilità rappresenta una novità e si prevede la sua realizzazione attraverso la certificazione annuale dei bilanci. Il rispetto dei valori repubblicani si concretizza nella salvaguardia della libertà di opinione, politica, filosofica e religiosa, rifiutando nel contempo qualsiasi discriminazione o forma di intolleranza. Il criterio della rilevanza si fonda sulla diffusione del sindacato e più in generale sull’effettiva presenza di azioni intraprese per lavoratori.
Per quanto concerne il peso elettorale questo sarà un elemento determinante in quanto il sindacato dovrà raggiungere la soglia del 10% dei voti validi espressi (8% nella fase transitoria) per poter negoziare ai vari ivelli (impresa, categoria, nazionale).
Gli accordi stipulati, per essere validi, dovranno essere sottoscritti da uno o più sindacati che raccolgano il 30% dei voti espressi; tale requisito non sarà però sufficiente qualora i sindacati che non sono favorevoli all’accordo raggiungano la maggioranza dei voti espressi.
L’accordo siglato in Francia prelude verosimilmente ad un mutamento nella contrattazione ai vari livelli, con un diverso peso per gli attori ed uno snellimento delle rappresentanze ammesse al tavolo delle trattative.
Tra l’altro a fronte di questo percorso si evidenzia con maggior forza la crisi del sindacalismo francese per quanto riguarda gli iscritti (ad aprile 2008 sono l’8% dei lavoratori, confermando il dato stabile da ormai quindici anni). Nonostante ciò il sindacato rafforza la sua presenza nelle imprese, diffondendola in modo capillare mentre nel settore pubblico il 15% dei lavoratori appartiene ad un sindacato contro il 5% del settore privato.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari