home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 20:16

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Dicembre/2008 - Osservatorio
Vietato il Made in England al “sarto dell’anno” londinese
di Viscardo Allegri



Scandalo a Savile Row, la piccola strada nei pressi di Piccadilly Circus regno universalmente riconosciuto dell’eleganza maschile stile “british”: dai tempi di Lord Brummel, qui una decina di sartorie dettano legge su come deve vestire un gentiluomo se vuole apparire tale, e a Savile Row da ogni parte del mondo vengono personaggi di ogni tipo per ordinare, a caro prezzo, abiti su misura. Richard James, a Savile Row dal 1992, è uno di questi sarti celebrati e riveriti, anzi potrebbe considerarsi una sorta di “primus inter pares”, dato che nell’ottobre 2008 il British Fashion Council lo ha nominato “sarto dell’anno”: oltre che nel suo negozio-sartoria, i suoi abiti sono venduti da Harvey&Nichols e da Harrods, lussuosi grandi magazzini della capitale, e nelle più prestigiose boutiques maschili di tutto il mondo, a prezzi che variano dai 600 ai 2500 euro.
E ora Richard James, in seguito alla denuncia di un sarto rivale, Tony Lutwyche, è stato oggetto di un’indagine del Trading Standards, l’ufficio del governo britannico che controlla il rispetto delle regole commerciali, e privato del diritto di porre ai suoi abiti la fatidica etichetta “made in England”. Motivo: da due anni giacche, pantaloni e panciotti vengono confezionati in Africa, nell’isola di Mauritius, dove ovviamente la manodopera è molto meno cara, e poi inviati in Inghilterra dove vengono solamente cucite le maniche e attaccati i bottoni. Un portavoce ha affermato che la celebre sartoria “non ha fatto niente di male”, il che sotto un certo aspetto può essere vero dato che il valore di un abito dipende da come è fatto, non da chi lo ha fatto. Comunque, Richard James ha deciso di continuare a produrre in Africa, rinunciando alla nobile etichetta distintivo dell’eleganza inglese.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari