home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 19:24

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Dicembre/2008 - Osservatorio
Nelle mani della ’ndrangheta la Roma della Dolce Vita
di Viscardo Allegri



Da tempo la ’ndrangheta, ramificata in tutto il territorio nazionale, aveva piazzato delle solide basi nella zona del litorale romano, ma ora si apprende che negli ultimi anni la mafia calabrese ha portato i suoi affari nel centro storico della città, da via Veneto a Piazza di Spagna, e dintorni. “Continua senza freno la pervasività della ’ndrangheta nella Capitale – riferisce un rapporto della Guardia di Finanza alla Procura della Repubblica romana – La presenza delle ‘ndrine’ e di affiliati delle cosche calabresi della provincia di Reggio Calabria viene segnalata in diversi punti del centro storico di Roma”. Si tratta di investimenti per decine di milioni di euro nel settore immobiliare, nella ristorazione, nella grande distribuzione alimentare. “Infatti – precisa il rapporto – sono ormai consolidate sul territorio romano alcune presenze che costituiscono il terminale delle attività economico-finanziarie delle ‘ndrine’ della Locride e della Piana di Gioia Tauro. Le potenti ‘ndrine’ calabresi guardano con sempre più attenzione alla Capitale, ai suoi interessi economici, riversando fiumi di denaro di provenienza illecita in acquisto di ristoranti, pizzerie e caffè all’interno del centro storico”.
Tra i locali indagati nell’inchiesta sulle attività della ’drangheta a Roma spicca il Café de Paris di via Veneto, reso celebre da “La Dolce Vita” di Fellini.. “Dal recente sopralluogo effettuato all’interno del locale – dice il rapporto della GdF – è stato evidenziato che il bar è stato completamente ristrutturato e rinnovato. All’ingresso è facile percepire, vicino alla cassa, posta sul lato sinistro dell’ingresso, un uomo con chiaro accento calabrese, occuparsi del flusso dei clienti verso il bancone, e di tanto in tanto uscire all’esterno del bar per controllare il giardino posto di fronte al marciapiede ove sorge il locale. L’uomo è attento a ogni piccolo movimento che avviene all’interno del locale, è ipotizzabile che sia qualche affiliato alla cosca degli Alavaro, titolare del Café de Paris.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari