home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 19:53

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Dicembre/2008 - Laboratorio
Lettera al questore di Napoli
di Tommaso Delli Paoli - Segr. gen. Silp-Cgil Napoli

Ancora una volta sono i poliziotti a pagare il prezzo più alto di una scellerata politica del risparmio e di un’incapacità dell’Amministrazione, e dei vari questori che l’hanno preceduta, a non creare strutture ricettive per il personale operante a Napoli, ma proveniente da fuori regione.
E’ ancora forte l’eco della protesta che questa organizzazione sindacale ha posto in essere in un recente passato, che consentì una sistemazione alloggiativa dignitosa anche per i giovani poliziotti assegnati in questo capoluogo come primo servizio. Pensavamo che il peggio fosse passato, ma ci siamo accorti che ad esso non c’è mai fine; infatti il problema è riaffiorato con i recenti trasferimenti in maniera ancora più virulenta del passato.
Non ci sembra dignitoso, e mi permetto di dire onorevole, per la nostra Amministrazione costringere i nuovi arrivati a dormire nelle proprie autovetture, visto i costi proibitivi degli affitti e finanche dei posti letto. Pensiamo che ai nuovi colleghi qualche sacrificio vada chiesto, ma sul fronte dell’impiego in servizio in una realtà di trincea sul piano della lotta alla criminalità, e non certamente su quello della logistica.
E’ arrivato il momento che lei, “nuovo arrivato” faccia uno sforzo di fantasia e concordi con l’Amministrazione centrale, e se possibile con le Istituzioni locali, ogni sforzo anche economico per consentire ai trasferiti un’idonea sistemazione, in alternativa la invitiamo a richiedere al Dipartimento della Ps un cambio con personale napoletano che potrebbe avvantaggiarsi dell’alloggio in famiglia.
Vogliamo inoltre approfittare dell’occasione per ricordarle, a proposito di logistica, che non molto tempo fa, in un grande Ufficio di Polizia cittadino, è stato trovato un grosso topo che è stato “disattivato” grazie alla tenace lotta del personale, ma la carcassa è stata in mostra per quasi due giorni e solo con la nostra pressante, ripetuta e ossessiva richiesta, si è proceduti alla rimozione; in un Paese civile adesso si dovrebbe realizzare un’efficace disinfestazione, vogliamo sperare che questo, i suoi Uffici, lo hanno già programmato.
Ritornando invece alla carenza (anche se non per sua colpa) degli alloggi, ci vediamo costretti a comunicarle che, ove malauguratamente si determinassero le condizioni, gli interessati verrano inviati a dormire anche nelle tende che questo sindacato allestirà sia presso la Prefettura che la questura, in modo da far risaltare alla pubblica opinione e alle forze politiche di ogni schieramento che sulla sicurezza fanno molta demagogia, le condizioni di disagio del personale della Polstato, che oltretutto è sperequato anche su questo versante da quello delle altre Forze di polizia ad ordinamento militare, che continuano ad avere caserme e, quindi, posti letto in abbondanza, forse su questo, ci permettiamo di suggerire, si potrebbe cercare un valido ed utile coordinamento.
Nel rimanere pertanto in attesa di un suo cenno di riscontro, le porgo distinti saluti.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari