home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 14:23

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio/2009 - Laboratorio
Il grande inganno della Polizia locale
di Giovanni Sammito - Segr. gen. Siulp - Gorizia

Mai prima d’oggi si era verificato che gli apparati deputati alla sicurezza del Paese lamentassero così coralmente le pessime condizioni in cui versano, sia sotto il profilo del trattamento economico dei suoi appartenenti, sia sotto l’aspetto delle carenze di risorse in termini di uomini e mezzi.
Tutti: Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria e Forestale, persino Vigili del Fuoco ma anche il Comparto militare, soffrono dello stesso male anche se non tutti, purtroppo, possono esprimerlo liberamente.
Malgrado questo clima certo non incoraggiante le Forze dell’ordine, dando prova di grande affidamento, efficienza e professionalità, continuano a cogliere importanti risultati nel contrasto e repressione delle più pericolose organizzazioni criminali oltre che nei confronti di tutte le altre variegate forme d’illegalità.
Beninteso nessuna autoreferenzialità. Anzi siamo abituati a considerare tutto ciò fisiologico e non ci aspettiamo particolari riconoscimenti. Dopotutto è il nostro lavoro e cerchiamo di svolgerlo nel migliore dei modi anche se non possiamo nascondere che ci è di grande aiuto l’apprezzamento che ci giunge dalla collettività.
Ciò che invece dispiace molto, e credo di interpretare il sentimento di migliaia di colleghi, è la scarsa considerazione che percepiamo dall’attuale compagine governativa. E non perché hanno disatteso le mirabolanti promesse elettorali. E nemmeno perché ci hanno tolto qualche diritto di cui godevamo.
Ciò che più ci ha deluso e ancor di più ci preoccupa è l’inganno che si sta tentando, più o meno consapevolmente, ai danni del Paese in materia di sicurezza pubblica. E’ oramai evidente, infatti, la determinazione con la quale si procede verso il graduale ridimensionamento della sicurezza statuale e centrale a favore di quelle locali.
Con un governo forte come quello attuale sarebbero state possibili riforme epocali. Come ad esempio l’accorpamento in un unico Ministero delle principali Forze di polizia con il conseguente recupeero di risorse e slancio per un reale processo di coordinamento ed una migliore territorializzazione.
Invece non sarà così. Dietro l’angolo s’affaccia la concreta possibilità che venga creata un’ulteriore Forza di polizia. Anzi forse due: quella regionale, tanto cara al ministro dell’Interno Maroni, e quella militare che sta a cuore al ministro della Difesa La Russa. Spetterà ancora una volta a noi del Siulp, così come in passato, contrastare e respingere questo genere di pulsioni che si pongono in aperto contrasto con la Carta Costituzionale e lo spirito della legge di riforma 121/81 che incarna il modello civile e statuale della sicurezza pubblica.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari