home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 09/08/2020 - 02:16

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio/2009 - Contributi
Guardia Costiera: casi di ordinario disagio
di Antonello Ciavarelli - delegato Co.Ce.R. - cat. B

Permane la mortificante situazione professionale in cui il personale della Guardia Costiera è costretto ad adempiere al proprio dovere.
Alla trasmissione Report di domenica 16 novembre 2008, riguardante la pesca di frodo in particolare di pescespada, si è evidenziato il costante rischio al quale il personale è costretto ad esporsi senza alcuna tutela e sistema di protezione. Solo in alcuni casi eventualmente viene protetto da Carabinieri o Polizia come se fossero comuni cittadini.
E’ ormai ampiamente nota all’opinione pubblica l’attività di polizia marittima della Guardia Costiera, che va dal contrasto all’immigrazione clandestina, alla sicurezza della navigazione, all’antiterrorismo nei porti, al controllo di tutta la filiera della pesca, all’ambiente, al concorso al contrasto di traffico illegale di stupefacenti, al contrasto alle eco-mafie, abusivismi demaniali, ecc. Tutto ciò alle dipendenze di diversi dicasteri (Trasporti, Interno, Ambiente, Difesa, Politiche agricole, ecc.).
Tutti i rappresentanti d’Italia della Guardia Costiera, riunitisi a Roma alcuni mesi fa, considerano intollerabile la situazione ed auspicano a riguardo la soluzione proposta dal proprio Comandante Generale, di un riordino del Corpo, chiedendo di essere dotati di un’arma individuale di ordinanza come deterrente, alla stessa stregua delle altre Forze di polizia, per meglio operare e per farlo in maggiore sicurezza.
Il caso del Nostromo di Gioia Tauro, riportato da alcune agenzie di stampa, che ha visto la saracinesca del suo garage trivellata di colpi, è una circostanza ordinaria di come nonostante le minacce, anche di stampo camorristico e mafioso, il personale continua ad operare. Nella migliore delle ipotesi anche stando in divisa, quotidianamente si viene oltraggiati, offesi e minacciati.
Per quanto riguarda il fatto che i colleghi del porto di Bagnara Calabra, che pur conoscendo alcune illegalità non intervengono (così come pare dalle immagini televisive), da cittadino comune mi domando come potrebbe un semplice maresciallo con pochi marinai, affrontare famiglie numerose che non hanno niente da perdere e che reagiscono violentemente? Si dimentica che anche lui ha la responsabilità di uomini che non si possono difendere e che il loro estremo sacrificio a quel punto sarebbe vano.
Ad aprile scorso gli italiani hanno pensato di cambiar pagina politicamente, perché si è pensato alla sicurezza. Quello della Guardia Costiera che opera sugli 8.000 chilometri di costa italiana, è uno dei più importanti tasselli per la sicurezza in generale. Ma come si può dare sicurezza agli altri se non si è sicuri nell’operare?
I vertici militari (anche a livello Interforze) sono tutti a conoscenza, il mondo politico tutto è a conoscenza di tutto ciò. Per l’ennesima volta lo scorso giugno, durante la presentazione della Finanziaria presso il governo, ho rappresentato quanto sopra. Il Ministro della Difesa mi ha risposto: “Mi sento disarmato almeno quanto la Guardia Costiera” e tutti i Ministri presenti, compreso il Sottosegretario al Consiglio dei Ministri, hanno espresso la condivisione per una opportuna ed efficiente soluzione del problema.
Ma nulla è cambiato, nulla cambia e nulla si dimostra che si vuole far cambiare. Nonostante tutto ciò, sicuramente, sta cambiando in meglio la coscienza del personale, e ciò non è poco.
Nel frattempo i militari della Guardia Costiera continueranno ad andare oltre il loro dovere, come sempre, “armati solo di buona volontà”.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari