home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 03:16

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Agosto-Settembre/2009 - Osservatorio
Clima: stanno scomparendo i ghiacciai del Tibet
di Viscardo Allegri



La causa è il surriscaldamento provocato dalla diffusione di sostanze inquinanti: i grandi ghiacciai tibetani, le masse innevate che coprono vette che superano gli ottomila metri, si stanno riducendo. Negli ultimi vent’anni la riduzione è stata dell’8%, mentre cresce la temperatura, e calano le piogge fino all’80%. L’allarme viene dall’amministrazione meteorologica di Pechino, in un rapporto sul clima nella regione himalayana: negli ultimi cinquant’anni la temperatura media in Tibet si è alzata di quasi 1,5 gradi, provocando il ritiro di circa il 90% della massa ghiacciata, la più grande del pianeta dopo quelle polari.
Si calcola che mantenendosi l’attuale ritmo di scioglimento i ghiacciai himalayani potrebbero scomparire nei prossimi trent’anni. Qui Dahe, direttore dell’Accademia cinese delle Scienze, ha dichiarato che “il maggiore assorbimento di radiazioni solari in Tibet sta modificando intensità e durata dei monsoni estivi nell’intera Asia. La conseguenza, come vediamo, sono la siccità nell’India settentrionale e le alluvioni nella Cina meridionale”. La costante riduzione dei ghiacciai tibetani provocherebbe il prosciugamento di fiumi indiani (Gange, Indo) e cinesi. Già ora le mandrie di yak stentano a trovare pascoli sufficienti, e cercano di spostarsi verso la Mongolia, ma la desertificazione di quelle montagne obbligherebbe milioni di persone ad emigrare.
Affrontando questa minaccia climatica, per la Cina si pone il problema di fissare un limite alle emissioni provocate da uno sviluppo industriale che la colloca nelle posizioni di testa fra le nazioni inquinanti. Si calcola che per i prossimi dieci anni il 70% dell’energia cinese sarà fornita dal carbone, e certamente la crisi economica globale non favorisce gli investimenti per la riconversione a energie “pulite”.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari