home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 12:49

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Novembre/2009 - Osservatorio
Barcellona si prepara a mettere al bando le corride
di Viscardo Allegri



Sarà una grande vittoria degli animalisti, ma c’è anche un elemento di orgoglio catalano: Barcellona si prepara a dire no a quella che è la più celebre tradizione spagnola, la corrida. La questione è stata portata davanti al Parlamento autonomo di Catalogna, ed è attivamente sostenuta dalla Piattaforma Prou (Basta, in catalano), appoggiata dall’80% dell’opinione pubblica regionale, e da oltre ottanta municipi.
Le Fiestas taurinas – che naturalmente sono una festa per tutti, tranne che per i tori – rappresentano da tempo un problema etico-culturale per molti spagnoli, che le considerano degli spettacoli crudeli, barbari, indegni di una nazione civile. In Catalogna sono considerati anche un simbolo della colonizzazione spagnola. A contrastare queste posizioni si schiera il mondo degli “aficionados”, i tifosi delle corride, che riempiono le arene, e fanno echeggiare i loro “olé” per salutare le “veronicas”, le “chicuelinas”, le “manoletinas” del torero di turno. In realtà, ribattono gli abolizionisti, è uno spettacolo soprattutto per turisti.
Ci si chiede che cosa direbbe di queste polemiche Ernest Hemingway, dato che lo scrittore americano era stato certamente il più efficace propagandista della tauromachia su scala mondiale: ricordiamo il suo “Fiesta”, ambientato nelle corride delle San Ferminas di Pamplona, “Morte nel pomeriggio”, e altri scritti taurini del grande Hem. Certo, secondo alcuni suoi amici lo scrittore esaltava le corride per una sorta di puntiglio virilista. Ma anche il catalano Pablo Picasso aveva mostrato una indubbia attrazione per lo spettacolo delle arene. Spettacolo che potrebbe risalire a tempi molto antichi, a riti sacrificali simili a quelli esistenti, ad esempio, nella Creta minoica. Ma oggi? Lo scrittore francese Raymond Queneau disse una volta che l’unico modo decente di assistere una corrida è quello di parteggiare per il toro. No comment.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari