home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 25/05/2020 - 00:54

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
dicembre/2009 - Contributi
Essere una Guardia Giurata ai giorni nostri
di Alfio Agostino Maugeri

Oggi il Ministro dell’Interno si preoccupa di dare una formazione alle nuove ronde. Giusto, devono essere preparate le persone chiamate a fare rispettare la legge. Ma per le Guardie Giurate tutto questo non esiste.
La Guardia Giurata viene assunta, presta giuramento e, senza alcuna preparazione formativa, viene inviata in servizio presso banche o altri istituti dove occorre una specializzazione specifica. Un operatore di Polizia privata senza una formazione professionale è un pericolo per se stesso, per i cittadini e anche per i ladri. Cosa deve fare quella persona in caso di tentativo di furto? Cosa dice la legge? Come deve difendersi da eventuali attacchi ad opera di malviventi? Cosa deve proteggere prima in una banca piena di persone?
Lo Stato, al suo solito, se ne esce molto elegantemente dicendo che gli istituti hanno il compito di formare le Guardie Giurate. Ma come può un istituto affrontare una spesa simile, specie se di piccole dimensioni? Con questa crisi non possono pagarci le ore lavorate, pensate se possono mantenerci per un corso di formazione che varia dai tre ai sei mesi.
La sicurezza compete allo Stato e deve farsene carico di una parte, dare una preparazione teorico-pratica, una tutela giuridica più appropriata alla responsabilità cui sono chiamate, un controllo diretto degli istituti attraverso una partecipazione effettiva all’interno di essi. Unificare tutti gli istituti a livello regionale con la partecipazione pubblica al 51% e privata al 49%, in modo tale da avere tutto sotto controllo.
Oggi nella gestione della vigilanza privata si commettono reati a volontà, come gare di appalto truccate, concorrenza sleale, tariffe ai margini della povertà, stipendi arretrati al mese di dicembre, contributi non pagati, evasione fiscale, Guardie Giurate senza decreti, presenza di personaggi di dubbia moralità e condotta ed altro.
Cosa dobbiamo aggiungere, se non che tutto questo è successo per colpa dello Stato, che ha sempre saputo ma non ha mai mosso un dito? Ci vuole una riforma che dia dignità alle Guardie Giurate, e allo Stato un più efficace strumento di controllo di questa categoria.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari