home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 10:02

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Novembre/2010 - Laboratorio
La “straordinaria” lezione di Pomigliano
di Mirko Carletti - Segr. prov. Silp-Cgil - Roma

La vicenda di Pomigliano rappresenta una straordinaria lezione per noi cittadini e si colloca in uno dei momenti più difficili per il Paese, alle prese con una crisi economica che strangola i redditi delle famiglie e che rende la stabilità occupazionale un miraggio.
Pomigliano è l’emblema di questa crisi: 2 anni di cassa integrazione che hanno segnato profondamente la vita dei lavoratori Fiat e dell’indotto industriale. In questo contesto difficile l’azienda anziché presentare un progetto industriale credibile mette in atto un ricatto occupazionale con 700 milioni di euro da investire in cambio dell’azzeramento dei diritti costituzionali dei lavoratori.
Un vero capolavoro del capitalismo moderno che prima esternalizza, poi trasferisce la produzione in Paesi emergenti dove il lavoratore non ha tutele e ora si prefigge l’obiettivo di riportare la produzione in Italia importando da quei Paesi, per anni sfruttati, le medievali regole che disciplinano i rapporti di lavoro.
Un capitalismo finanziario che attraverso “nuovi padroni in pullover”, con compensi milionari, mostra il suo volto disumano che non ha rispetto per gli operai e irride il sacrificio economico che lo sciopero comporta sugli esigui bilanci familiari, considerandolo un escamotage per guardare una partita di calcio.
Per realizzare questa indecente strategia ha preteso anche un referendum che voleva plebiscitario nella partecipazione e nel consenso; referendum che molti commentatori hanno definito “una pistola alla tempia dei lavoratori”.
La posizione Fiat ha raccolto consensi nel mondo sindacale e nel mondo politico con una trasversalità preoccupante e trovato opposizione solo nella Fiom-Cgil che ha cercato di resistere a difesa dei diritti e della dignità del lavoro.
Una posizione difficile che ha subito attacchi e aperto un dibattito nel Paese e nel mondo sindacale. Una scelta coraggiosa perché da un lato c’è la sopravvivenza economica e sociale, la possibilità di pagare il mutuo e non perdere la casa, il bisogno di assicurare una vita dignitosa ai propri familiari e dall’altro i diritti, la dignità del lavoro e la necessità di non potervi rinunciare né ora né mai.
La Fiom-Cgil ha avuto il coraggio di resistere e andare controcorrente, ritenendo non trattabile la sicurezza dei lavoratori, il diritto alla malattia, il diritto allo sciopero e ha chiesto il rispetto delle regole e l’applicazione del contratto collettivo nazionale.
Il referendum imposto dall’azienda ha visto una straordinaria partecipazione dei lavoratori. Il Sì è prevalso con il 62,3%, ma la vittoria politica e sociale è di quei lavoratori che hanno scelto il No, con un inaspettato 36,7%, perché, nonostante difficoltà, pressioni esterne e ricatti, hanno mostrato forza e dignità che sono esempio per tutti.
La Fiom-Cgil ha vinto la sua battaglia, raccogliendo un consenso superiore a quello degli iscritti e dimostrando a tutti che tra i lavoratori non c’è rassegnazione, ma ancora voglia di difendere diritti e dignità. La vicenda di Pomigliano impone a noi dirigenti sindacali Silp un’attenta riflessione sull’importanza di assumere posizioni a tutela dei diritti in un panorama sindacale spesso votato al compromesso al ribasso su posizioni dell’Amministrazione.
La centenaria storia Cgil ci insegna che essere una voce fuori dal coro a difesa dei diritti e della dignità dei lavoratori non deve essere vissuta con la sindrome dell’isolamento, ma come sinonimo di coraggio e autorevolezza sindacale che sicuramente incontra l’apprezzamento della base.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari