home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 25/05/2020 - 00:40

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio - Febbraio/2011 - Osservatorio
Se ne va lasciando domande “cosmiche”
di Carlotta Rodorigo

Potrebbe sembrare un gioco, ma si tratta di una sorta di test molto serio proposto dall’astronomo Martin Rees, presidente della britannica Royal Society, al momento di passare le consegne al suo successore, il genetista Paul Nurse. Fondata 350 anni fa, la Royal ha come fine la ricerca di risposte a quesiti scientifici di ogni tipo, e anche le soluzioni a problemi di carattere pratico. E, appunto, Martin Rees, lasciando la guida dell’illustre consesso ha voluto essere fedele alla sua tradizione, inserendo nel dibattito elementi di segno quasi fantascientifico. Vediamo le domande.
1) Che cosa c’era prima del Big Bang? Possibile risposta: non c’era nulla, perché tempo e spazio sono nati con il Big Bang. In realtà si ipotizza che vi fosse una “fluttuazione quantistica del nulla”, un caos che conteneva una qualche forma di tempo e di spazio suscettibile di essere organizzata. Ai cosmologi il compito di una verifica che nessuno sa quanto possa durare, e se avrà mai un esito positivo.
2) Sappiamo che l’Universo si espande, ma in che cosa si espande? Si ipotizza l’esistenza di un superspazio infinito, detto “bulk”, che conterrebbe questo Universo in continua espansione. Mentre altri astrofisici parlano di vari universi che si incontrano in un processo di distruzione e creazione. E si suppone persino la futura (molto futura) possibilità di trasferci in un iper-spazio atemporale, al riparo dalle catastrofi cosmiche.
3) Per restare (si fa per dire) con i piedi in terra, quando riusciremo a raggiungere le stelle più vicine? Le previsioni della Royal Society azzardano che entro i prossimi cento anni saranno arrivati su tutti i pianeti del sistema solare. Per quanto riguarda le stelle, occorrerà inventare un mezzo di locomozione che abbia una velocità almeno pari all’1% di quella della luce: ci sarà da aspettare appena 10 milioni di anni.
4) Sarà possibile registrare i ricordi e riprodurli? Rivivere le esperienze del passato condividendone tutte le sensazioni con altre persone?
5) Che cos’è l’autocoscienza? Sarà possibile creare delle macchine pensanti?
6) Verranno ideati e prodotti dei medicinali “ad personam”, cioè adatti ai problemi di salute di ogni individuo?
7) Gli esseri umani saranno in grado di sviluppare un approccio scientifico ai loro problemi?
8) Sarà possibile risolvere il problema delle fonti energetiche, e conciliare i sistemi produttivi con il controllo dell’inquinamento?
9) Quando si arresterà la (per forza di cose preoccupante) crescita demografica?
10) Sarà scoperta la formula per ricavare tutti i numeri primi (quelli divisibili solo per se stessi e per 1)? Il numero primo trovato finora ha 13 milioni di cifre.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari