home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 14:47

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio-Agosto/2011 - Osservatorio
Tutti i segreti di Sarah Palin in 24 mila mail
di Carlotta Rodorigo

Si fa mandare i preventivi per installare un lettino solare abbronzante nella residenza ufficiale di governatore. Sono alcune delle rivelazioni contenute nelle email di Sarah Palin, la controversa ex governatrice dell´Alaska, ex candidata alla vicepresidenza nel 2008, forse in corsa per la nomination repubblicana alla Casa Bianca nel 2012. In un´atmosfera di eccitazione nazionale, con decine di giornalisti e troupe televisive accalcati in un piccolo ufficio governativo di Juneau, la capitale dell´Alaska, sono state finalmente divulgate 24.199 email che la Palin aveva scambiato dall´inizio del 2007 al 30 settembre 2008 quando era governatrice.
La massiccia operazione-trasparenza ha segnato la vittoria dei mass media, che avevano richiesto per anni il rilascio di quei documenti in virtù delle leggi sull´accesso dei cittadini agli atti pubblici. La Palin si era sempre opposta ma alla fine ha perso, anche se la parte più riservata dei suoi messaggi rimane per ora nascosta: non usava l´indirizzo ufficiale bensì uno privato, su Yahoo, per il quale è ancora aperto il processo. Ma intanto la paladina della destra, adorata dai populisti del Tea Party, esce malconcia da questa prima ondata di rivelazioni. I giornali hanno chiamato in aiuto i lettori, aprendo dei blog speciali per una consultazione di massa: nel tentativo di rallentare lo “spoglio” delle email l´Alaska le ha rilasciate su carta, cinque scatoloni da venti chili ciascuno, al prezzo di 725 dollari.
Alla prima lettura balza agli occhi l’attenzione smisurata della Palin per la propria immagine. «Ho bisogno davvero di molti aiuti - scrive ai collaboratori nel febbraio 2007 cioè ben prima di candidarsi - per reagire alla disinformazione che viene sparsa sul mio conto». Lei che nei dibattiti televisivi ostenta disprezzo per i “media tradizionali” e si vanta di ignorare la stampa (come faceva George Bush) nella realtà consulta quotidianamente perfino i blog e reagisce indignata a ogni critica: «Ecco un altro blog offensivo, dovrei veramente smetterla di perdere il mio tempo e la mia energia per scoprire cosa passa per la mente degli elettori».
Su Obama spuntano delle contraddizioni, nell´agosto 2008 poche settimane prima di essere prescelta come vice da John McCain la Palin esalta «un grande discorso di Obama sull´energia, nel Michigan, mi ha rubato tutte le mie idee, ma dobbiamo approfittare del suo discorso per fare un commento positivo». Poche settimane dopo, proprio la politica energetica diventerà il punto d´attacco della Palin, con lo slogan “drill baby drill”, cioè libertà assoluta di trivellare in cerca di petrolio in ogni zona d´America. In quanto al lettino solare, 3.252 dollari solo per «l´adattatore elettrico che va aumentato di potenza»? Tutto «a carico dello Stato» precisa la email. Bisognerà spiegarlo a quelli del Tea Party, che adorano la Palin convinti che taglierebbe senza pietà la spesa pubblica. Ma la sua immensa popolarità nella frangia radicale del partito repubblicano non basta a compensare i giudizi negativi degli altri: i consensi verso la Palin sono appena del 30%. Nessuno dei contendenti alla nomination repubblicana sta brillando. Newt Gingrich sembra il Titanic, dopo che l´intero staff elettorale lo ha abbandonato dimettendosi in massa (mentre lui era in crociera nelle isole greche). Mitt Romney si è attirato la scomunica degli anchormen di destra come Rush Limbaugh: l´ex governatore del Massachusettss ha osato sostenere che il cambiamento climatico esiste ed è provocato dall´uomo, un´eresia per i “negazionisti” del partito repubblicano.


FOTO: Sarah Palin

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari