home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 04:46

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Dicembre/2012 - Contributi
Arrivederci, direttore!
Il Pifferaio
di Paolo Brunori

Anche ora che se n’è andato, Paolo Pozzesi non si ricorda: c’è. Una presenza assente – la migliore, come l’angelo – sulla quale si può contare. Gratis, senza neanche l’obolo del “whisketto di dazio”. Ma rimane una perdita, specie per chi ci ha lavorato, ci ha bevuto o ci ha vissuto insieme.
Pur avendo distillato notti inesauribili con lui, pur se ci ha saziato degli interi pomeriggi con storie esoteriche e reiterate, seducente come il Pifferaio, non siamo riusciti mai a raggiungerlo. E quindi non abbiamo saputo tutto.
Ecco l’unica sua colpa. Ecco la perdita quando, smarrita la bussola, il nostro bilancio è in rosso. A “riserva”, infatti, avremmo spesso bisogno del bidone di scorta: una sua parola, certe volte uno sguardo o un vaffanculo. Per riportarci in rotta. E invece, no. Allora ci accorgiamo che ci manca, anche se c’è. Ci ha detto "solo" quasi tutto, tirchio Paolo Pozzesi.
Personaggio coerentemente schierato, di scorza curiosa e decisa ma di cuore mite e romantico, ogni volta a tempo pieno è stato giornalista, scrittore, attore e sceneggiatore - anche televisivo - per l'amico Jean-Luc Godard. Si è interessato a fondo di tutto.
Combattendo in punta di penna, ha messo il naso dovunque, bruciandosi, in fondo, molto poco. Segno che lo sapeva usare bene il suo naso. Anche per riconoscere un buon vino. Riuscendo persino a raccontarlo chiaramente, quel vino annusato.
Avrebbe, però, dovuto annusare con la stessa cura il suo futuro, o meglio quello dei suoi occhi, che gli avevano sempre permesso di guardare lontano.
Ma, forse, il Pifferaio aveva capito che i tempi erano cambiati. Non valeva più la pena combattere il cuculo che lo stava cacciando dal nido.


FOTO: Paolo Pozzesi con Salvador Allende

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari