home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 17:35

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Dicembre/2012 - Laboratorio
http://www.laboratoriopoliziademocratica.it - http://laboratoriopoliziademocratica.blogspot.it/ www.cives.roma.it
“Sono d’accordo con Gianni Ciotti del Silp”
di Nicola Nicolosi - Segretario nazionale Cgil

“Sono d'accordo con i codici identificativi”. Nicola Nicolosi, segretario nazionale della Cgil, condivide la posizione di Gianni Ciotti, segretario provinciale del Silp-Cgil di Roma.
In un'intervista apparsa su “Repubblica”, Ciotti afferma infatti che “gli agenti dovrebbero indossare un casco alfanumerico”. “Sarebbe stato tutto più facile - aggiunge il segretario del Silp-Cgil - per la magistratura, tanto per cominciare. E poi nell'opinione pubblica non si sarebbe parlato di polizia violenta ma di violenza di una sola persona”. E ancora: “Mi sembrerebbe corretto che anche i manifestanti si presentassero a volto scoperto”.
Nicolosi precisa che “l'uso legittimo della forza non ha niente a che spartire con l'abuso. In tutti i Paesi europei, civili, l'identificazione degli agenti non ha mai creato alcun problema. Il principio di responsabilità individuale garantito dall'identificazione dei soggetti impedisce un’indistinta generalizzazione di eventuali abusi dei singoli, a tutela di chi agisce correttamente. Quello che è successo a Genova, nella scuola Diaz, a Bolzaneto, è ancora una ferita aperta nella memoria dei democratici così come gli episodi che si sono susseguiti in questi anni da Aldrovandi a Cucchi”.
“Non ha senso - dice ancora Nicolosi - la posizione di chi sostiene che l’introduzione dei codici identificativi possa diventare un problema per gli agenti di polizia”; al contrario “sarebbe una garanzia per chi svolge correttamente il proprio lavoro.
Contro gli abusi la Cgil ha sempre sostenuto la riforma della polizia e la sua democratizzazione, nel tentativo di affermare i diritti degli agenti non solo sul terreno sindacale ma anche nell'affermazione del ruolo della Polizia di Stato in un paese democratico”.
Dichiarazione di Nicola Nicolosi,
Segretario nazionale della Cgil

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari