home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Venerdí, 14/08/2020 - 09:12

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Novembre-Dicembre/2014 - Contributi
Lavoro
Job act: articolo 18 sì, articolo 18 no
di Giancarlo Laino

Divide e fa discutere. La nostra analisi

ni in queste settimane, fa riferimento alla legge del 20 maggio 1970, n.300, “Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell’attività sindacale, nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento” e, è bene dirlo, si applica solo alle aziende con almeno 15 dipendenti, prevedendo che il licenziamento sia valido solo se avviene per giusta causa o giustificato motivo.
Fino a circa due anni fa l’articolo 18 dava diritto, ad un lavoratore lasciato a casa dall'azienda, al reintegro sul posto di lavoro mediante ordinanza del giudice. *Nel 2012 la riforma Fornero ha ammorbidito alcune tutele, eliminando di fatto l’obbligo del reintegro per i licenziamenti ingiusti legati a motivi economici. In questi casi, chi viene licenziato ha diritto solo ad un risarcimento economico. La novità fondamentale della riforma Fornero (l.92/2012) consiste nel fatto che, mentre sinora ai datori di lavoro con organico più consistente veniva sempre applicata, in caso di recesso illegittimo, la reintegrazione più il risarcimento del danno, dopo la riforma, a parità di organico, sia nel caso di licenziamento disciplinare, che nel caso di giustificato motivo oggettivo, non sempre compete al lavoratore la reintegrazione nel posto di lavoro, ma si fa luogo solamente al risarcimento del danno. Tale risarcimento corrisponde ad un’indennità di importo compreso tra un minimo di 2,5 e un massimo di 14 mensilità dell’ultima retribuzione globale, avuto riguardo a tutta una serie di parametri quali il numero di dipendenti, dimensioni dell’impresa, anzianità di servizio e le condizioni delle parti. L’obbligo al reintegro rimane solo nei casi di licenziamento discriminatorio – pregiudizi razziali, politici o di genere – mentre per i licenziamenti disciplinari – dovuti a scarso rendimento o a insubordinazione - viene lasciato un margine di discrezionalità al giudice che può deliberare o meno il reintegro in azienda, una volta verificata l'illegittimità del licenziamento. In particolare, ove il datore di lavoro sia soggetto al regime della tutela, nota come “reale”, cioè in dipendenza dell’organico e quindi del numero dei dipendenti, il giudice nell’accertare l’illegittimità può disporre la reintegra del lavoratore. Come cambierà il panorama lavorativo italiano con la entrata in vigore del Jobs act renziano?

... [continua]

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari