home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 05:20

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio-Marzo/2015 - Interviste
Sicurezza
Vera Lamonica: «Oggi il Mediterraneo è un mare di morte, noi vorremmo invece che unisse i popoli»
di Lorenzo Baldarelli

La riflessione della segretaria nazionale Cgil
che da tempo si occupa di welfare, previdenza
e politiche dell'immigrazione

Confermata lo scorso anno alla Segreteria nazionale della Cgil, Lamonica si occupa di welfare, della previdenza e delle politiche dell’immigrazione. In un lungo incontro ci ha spiegato che gli arrivi dal mare non erano un effetto dell’operazione Mare Nostrum e che la politica europea dell’accoglienza andrebbe rifondata

Visto il palese fallimento dell’operazione Triton, quali dovrebbero essere le misure da prendere per evitare altre tragedie?
Su questo tema si sta scatenando una campagna molto forte che fa leva su una paura diffusa e comprensibile dei cittadini. Ma questa è una sfida che va affrontata con molta razionalità, molta umanità e con una politica comune.
Ad oggi continuano ad arrivare disperati nelle nostre coste; è evidente che quello che ci è stato raccontato era falso. Non è stata l’operazione Mare Nostrum a permettere gli arrivi, è stata ed è la guerra.
Per noi della Cgil la nuova operazione Triton, oltre a costare meno ha aspetti intollerabili. Il primo è il ristretto raggio d’azione, solo 30 miglia marine dalle nostre coste. Oltretutto è inaccettabile mettere in secondo piano il salvataggio delle vite umane. Voglio ricordare che la nostra Marina Militare è spesso intervenuta anche al di là dei limiti territoriali fissati, ma dispone ora di meno mezzi per il primo soccorso e di minor possibilità di manovra. Mare Nostrum, inoltre, svolgeva anche la funzione di filtro, evitava problemi sanitari e di sicurezza.
La Cgil auspica una nuova operazione simile a Mare Nostrum, finanziata e partecipata da tutti gli Stati membri della Comunità Europea, un riordino del sistema dell’accoglienza e il cambiamento di alcune norme europee. Qui a Roma, per il momento, abbiamo assistito solo alla criminale gestione descritta nell’inchiesta di Mafia Capitale.

E nel mentre cosa può fare di concreto il governo italiano in Europa?
Intanto, come già accennavo prima, bisogna costruire una politica unica europea sui migranti; e per politica europea non intendo solo dare qualche risorsa in più. Sarebbe proficuo che gli Stati membri possano collaborare, modulando gli ingressi, riducendo così la pressione ai soli Stati del Mediterraneo.
Ormai si respirano venti di guerra ed è evidente che le persone scappando via tentano di entrare nei nostri confini. La prima domanda a cui dovrebbe rispondere l’Europa è come permettere a queste persone di intraprendere un viaggio senza rischiare la vita con gli scafisti. Per me la soluzione migliore rimane, e la Cgil lo ha proposto per prima, la creazione di corridoi umanitari. ... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189


FOTO. Vera Lamonica

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari