home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 21:12

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Giugno - Agosto/2015 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Il mondo del lavoro
Reddito da lavoro dipendente
di Giancarlo Laino

Sono “redditi di lavoro dipendente”, secondo la definizione contenuta nell’art.49, c.1 del D.P.R. 22.12.1986, n.917, “quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri”.
Costituiscono redditi della stessa natura, per il capoverso dell’articolo citato, le pensioni e gli assegni ad esse equiparati, nonché le somme di cui all’art.429, ultimo comma, del codice di procedura civile.
Il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. La disposizione enuncia il principio generale della omnicomprensività del reddito fiscalmente rilevante e della totale imponibilità di tutto ciò che il dipendente riceve, in denaro e in natura, in relazione al rapporto di lavoro subordinato, fatte salve le deroghe espressamente previste dalla normativa.
Con riferimento al profilo temporale, l’art.51 del D.P.R. 917/86 precisa che “si considerano percepiti nel periodo d’imposta anche le somme e i valori in genere, corrisposti dai datori di lavoro entro il giorno 12 del mese di gennaio del periodo d’imposta successivo a quello cui si riferiscono”.
Il momento della percezione è quello in cui il provento esce dalla sfera di disponibilità del datore di lavoro erogante per entrare nel compendio patrimoniale del lavoratore percettore.
Nei successivi commi dell’articolo in esame vengono stabile specifiche deroghe al principio generale della omnicomprensività, individuando alcune voci che non concorrono a formare il reddito o vi concorrono soltanto in parte: in merito alle previsioni in cui è stabilito che alcune somme o valori concorrono a formare il reddito soltanto per la parte eccedente un importo complessivo predeterminato ovvero che concorrono interamente se il loro ammontare supera una soglia determinata, va precisato che i predetti limiti sono stabiliti con riferimento al singolo dipendente e all’intero periodo d’imposta, pertanto non va fatto alcun ragguaglio se il rapporto in corso d’anno, il datore di lavoro è tenuto ad attestare distintamente al lavoratore i singoli importi che non hanno concorso a formare il reddito.
Anche le somme per interessi e rivalutazione dovute a seguito di sentenza di condanna sono soggette al criterio di cassa: nel caso di mutamento del regime fiscale, si applica la disciplina vigente nel periodo di imposta di percezione e non di quello di maturazione del credito.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari