home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 25/05/2020 - 00:55

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Settembre-Ottobre/2015 - Mondo Poliziotto
Sindacato
C’era una volta la Stradale
di Luca Malossi*

La politica dei tagli
e gli effetti sulla Polizia Stradale

Dall’esperienza sindacale umbra la Polizia Stradale è la Specialità che paga il maggior prezzo in termini di risorse, pochi uomini e ancor meno mezzi certificano la difficoltà di mantenere buoni livelli di controllo delle principali arterie del cuore verde d’Italia.
La maggior parte degli strumenti di misurazione della velocità è inutilizzabile perché non sottoposti alle periodiche visite di revisione e taratura, il parco auto, vetusto e obsoleto, presenta pochi mezzi con chilometraggi altissimi.
Stravagante risulta una revisione della spesa che riduce drasticamente i fondi per l’acquisto di veicoli nuovi ed efficienti per poi dover aumentare consistentemente le spese per la riparazione delle poche e vecchie auto puntualmente ferme in officina per danni relativi all’usura.
Dover utilizzare nei servizi di vigilanza stradale lungo le extraurbane principali i Mitsubishi Pajero, assegnati oltre 15 anni fa e utili ai servizi invernali sui valici di montagna, o peggio pattugliare le strade a bordo di un camper, pone interrogativi sul livello di efficienza del servizio e sicurezza degli operatori.
Ovviamente l’Umbria paga anche l’ignavia di un Compartimento in attesa di chiusura dove si consentono ancora piccoli ma sgradevoli privilegi: ad esempio, l’auto di servizio di esclusivo utilizzo del dirigente della Sezione Terni (poco più di 50.000 km) o l’auto della Sottosezione di Orvieto (17.000 km) ferma in garage, entrambe utilizzate per “rappresentanza”, costituiscono un’inaccettabile atteggiamento di arroganza di chi è preposto a garantire le migliori condizioni di lavoro che stride col sacrificio dei colleghi costretti ad uscire con dei veri e propri “catorci”.
Il senso di indolenza di certa dirigenza che, anche dopo le segnalazioni del Siulp, anziché mettere a disposizione delle pattuglie le “sue” auto ritiene di mortificare ulteriormente la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori della Polizia Stradale umbra scambiando la propria auto con quella di Orvieto in modo da prendersene una con meno chilometri, è esemplificazione dell’indifferenza verso chi è esposto al rischio.
La chiusura del Compartimento Polizia Stradale per l’Umbria, palliativo per un recupero di risorse, non sarà risolutiva delle problematiche dei suoi poliziotti che, nonostante l’elevata età media e senza mobilità in entrata, continuerà a subire una perpetua diminuzione dell’organico e la scarsità di mezzi e strumentazioni.
*Segr. Gen. Siulp Umbria

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari