home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 25/05/2020 - 06:54

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Settembre-Ottobre/2015 - Interviste
Sociale
Quale futuro per il servizio civile?
di Vittorio Bonanni

Il punto di vista di Licio Palazzini, presidente di Asc Arci Servizio
Civile e della Conferenza nazionale Enti per il servizio civile

Crisi economica o crisi di vocazione? Oppure tutte e due le cose insieme? E come interagisce questo trend delle organizzazioni di volontariato, emerso nell’ultimo rapporto del Csvnet (Coordinamento nazionale dei centri di servizio per il volontariato) presentato qualche giorno fa all’Expo di Milano con l’andamento del servizio civile, settore fortemente depotenziato in questi ultimi anni? Abbiamo fatto queste domande ad una persona che vive quotidianamente queste problematiche. Si tratta di Licio Palazzini, presidente di Asc Arci Servizio Civile e della Conferenza nazionale Enti per il servizio civile.

Presidente, che cosa pensa del recente rapporto del Csvnet sulle organizzazioni di volontariato? Siamo effettivamente di fronte ad una crisi oppure come sostengono alcuni a modalità nuove di approccio a questo impegno?
Che fosse in atto un processo di invecchiamento nelle persone impegnate civicamente - e sottolineo che più che di volontariato parlerei di impegno civico in quanto esiste anche la promozione sociale, ci sono tanti gruppi spontanei e il volontariato giuridicamente parlando è solo una delle tipologie – era evidente dai tanti segnali che arrivavano. E non potevamo dunque essere stupiti per tre principali ragioni.
Quali?
Una demografica. Cioè il progressivo invecchiamento della popolazione italiana e quindi anche dei volontari. La seconda riguarda invece la continua derisione del valore dell’impegno civico da parte dei media, dei produttori culturali e anche di molti soggetti istituzionali che dagli inizi degli anni ’90 del secolo scorso è stato speso a piene mani. Il terzo invece si deve alla marginalizzazione dei giovani dalla vita sociale ed economica. Forse questo viene un po’ sottovalutato nella ricerca realizzata dal Csvnet. Dove il venir meno dell’impegno dei giovani nelle organizzazioni di impegno civico deriva anche dal fatto che sono appunto tagliati fuori da tantissime parti di vita sociale. Da quella economica a quella istituzionale e ovviamente alla fine anche quella sociale ne risente di conseguenza... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189


FOTO: Lucio Palazzini

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari