home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 10:06

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Settembre-Ottobre/2015 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Parità di Trattamento Retributivo
di Giancarlo Laino

La parità di trattamento retributivo, a parità di mansioni, è sancita nel nostro ordinamento esclusivamente per quanto riguarda il lavoro delle donne rispetto agli uomini ed il lavoro dei minori rispetto ai lavoratori maggiorenni (art.37 Cost.). Non è invece configurabile un principio generale di comparazione soggettiva in base al quale il datore di lavoro è tenuto ad attribuire a tutti i lavoratori, a parità di mansione espletate, lo stesso trattamento retributivo. Al contrario il legislatore ammette espressamente la possibilità di situazioni di disparità di trattamento come risulta dall'art. 2077, comma 2, cod. civ., il quale, nell'imporre la sostituzione con le norme collettive delle clausole difformi contenute nei contratti individuali salvo che tali clausole siano più favorevoli al lavoratore, prevede di fatto un allineamento dei contratti individuali di lavoro alla disciplina collettiva non in tutti i casi, ma solo in quelli in cui il contratto individuale di lavoro contenga disposizioni meno favorevoli per il lavoratore.
Secondo la Suprema Corte la tutela costituzionale del diritto dei minori alla parità di trattamento, a parità di lavoro, con i maggiorenni si riferisce non solo ai minimi salariali ma all'intero trattamento spettante ai lavoratori maggiorenni, ivi compresi gli scatti di anzianità, e spetta tuttora non solo agli infradiciottenni ma ai lavoratori fino ai 21 anni di età ; l'attribuzione ai minori di una retribuzione inferiore rispetto a quella dei lavoratori maggiorenni si giustifica solo se ai primi vengono affidate mansioni diverse e meno impegnative.
La L.300/70 vieta espressamente la concessione di trattamenti economici di maggior favore aventi carattere discriminatorio in quanto motivati da ragioni sindacali, politiche, religiose, razziali di lingua o di sesso.
In questa ipotesi e qualora il fatto sia accertato dal giudice del lavoro, su domanda dei lavoratori nei cui confronti è stata attuata la discriminazione o delle associazioni sindacali alle quali questi hanno dato mandato, il datore di lavoro è condannato al pagamento di una somma pari all'importo dei trattamenti economici di maggior favore illegittimamente corrisposti nel periodo massimo di un anno. La violazione comporta inoltre l'applicazione dell'ammenda oppure l'arresto da 15 giorni a un anno. Nei casi più gravi le pene dell'arresto e dell'ammenda sono applicate congiuntamente.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari