home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 06:19

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Maggio-Giugno/2016 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Il mondo del lavoro
Con il Job Act spariscono i contratti co.co.pro.
di Giancarlo Laino

Le collaborazioni coordinate e continuative che si distinguevano in co.co.co. e co.co.pro., sono scomparsi poiché la riforma elimina la normativa posta dalla legge Biagi (D. lgs. 276/2003) che imponeva la presenza dei famosi progetti. Con l'entrata in vigore del Job Act, infatti, secondo il combinato disposto degli artt. 47 e 49, non sarà più possibile stipulare contratti a progetto ma solo contratti di collaborazione coordinata e continuativa ai sensi dell'art. 409 n. 3 cod. proc. civ.. Le norme sui contratti a progetto, ai sensi del menzionato art. 49, continueranno ad essere applicate ai soli contratti di collaborazione già stipulati prima dell'entrata in vigore della riforma. Per le nuove stipule non sarà necessario alcun progetto e il contratto, quindi, potrà essere regolato anche a tempo indeterminato.
La riforma, tuttavia, introduce una rilevantissima novità in ordine alla disciplina applicabile in quanto, sancisce, d'un colpo, l'applicabilità a una parte di tali contratti di lavoro “parasubordinato” (così si definivano una volta) l'intero corpus normativo del diritto del lavoro posto a tutela del lavoratore subordinato. In pratica, viene così a perdere importanza la ricostruzione di quella che fin'ora veniva considerata come la “fattispecie tipica” del diritto del lavoro, ossia il contratto di lavoro subordinato, sulla cui definizione la dottrina e la giurisprudenza giuslavoristiche, negli ultimi cento anni, hanno speso le loro migliori energie. Infatti, si è sempre sottolineata l'importanza fondamentale della distinzione fra lavoro subordinato e lavoro autonomo (o associato) poiché quello era il confine su cui erano destinate a combattersi tutte le battaglie giudiziarie ingaggiate per decidere se a un determinato prestatore di lavoro spettasse la tutela “forte” via via introdotta dalla legge e dalla contrattazione collettiva sul piano retributivo, normativo e previdenziale in favore dei lavoratori dipendenti. Fino a un recente passato, l'esito di tali battaglie determinava l'applicazione o l'esclusione totale di quella tutela. Più recentemente, ai rapporti di collaborazione autonoma caratterizzati dai requisiti di cui all'art. 409 n. 3 c.p.c., era stata assicurata una tutela crescente di carattere soprattutto previdenziale e amministrativo, di livello comunque nettamente inferiore a quella assicurata dei lavoratori dipendenti. Ora, sotto questo profilo, cambia tutto o quasi, in quanto quella linea di confine viene spostata molto al di là della fattispecie del lavoro subordinato la cui individuazione, quindi, è destinata perdere molta della sua importanza. Il nuovo confine passa, invece, all'interno dell'art. 47 del nuovo decreto che introduce una distinzione destinata ad acquisire enorme rilevanza: quella fra co. co. co. dotati dei requisitii individuati, ai quali “si applica la disciplina del rapporto di lavoro.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari