home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 04/06/2020 - 21:48

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Maggio-Giugno/2016 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Il mondo del lavoro
Valutazione del lavoro stress correlato
di Giancarlo Laino

Una importante innovazione inserita nel testo unico è data dalla valutazione del LAVORO
STRESS CORRELATO, ovvero la tutela dei lavoratori dallo stress, dal mobbing e dagli altri rischi psico-sociali. L’Accordo interconfederale del 9/06/08 definisce lo stress-lavoro correlato come:
“una condizione, accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche o sociali che
scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste o di non essere all’altezza delle aspettative (…) non è una malattia, ma una situazione prolungata di tensione che può ridurre l’efficienza sul lavoro e può determinare un cattivo stato di salute”.
Tale valutazione ha lo scopo di monitorare i livelli di stress dei lavoratori e si attua secondo
diverse modalità.
a. Valutazione oggettiva:
L’RSPP ha il compito di raccogliere una serie di dati relativi alla percentuale delle assenze, alla percentuale delle ferie non godute, alla percentuale di rotazione del personale, al numero di sanzioni disciplinari ecc. che hanno lo scopo di restituire un quadro oggettivo della situazione di benessere/malessere all’interno dell’azienda. Se questa valutazione restituisce un valore di stress basso si deve ripetere la valutazione con cadenza biennale. Se la valutazione riporta un valore di stress medio od alto l’azienda ha l’obbligo di intervenire con sistemi di diverso tipo per abbassare i livelli di stress. Gli indicatori oggettivi misurabili appartengono a tre categorie: Eventi sentinella: indici infortunistici; assenze per malattia. I predetti eventi sono da valutarsi sulla base di parametri omogenei individuati internamente all’azienda. Fattori di contenuto del lavoro: ambiente di lavoro ed attrezzature; carichi e ritmi di lavoro. Fattori di contesto del lavoro: ruolo nell’abito dell’organizzazione; autonomia decisionale e controllo.
b. Valutazione soggettiva:
L'RSPP ha il compito di somministrare ai lavoratori un questionario anonimo fornito dall’INAIL dove verranno raccolti una serie di dati relativi al benessere del singolo individuo.
Se questa valutazione restituisce un valore di stress basso si deve ripetere la valutazione con cadenza biennale. Se la valutazione riporta un valore di stress medio od alto l’azienda ha l’obbligo di intervenire con sistemi di diverso tipo per abbassare i livelli di stress, nello
specifico campo in cui si è rivelata un’elevata presenza di stress.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari