home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Lunedí, 25/05/2020 - 06:49

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio-Settembre/2016 - Interviste
Armi
A mano armata
di Vittorio Bonanni

Si stima che in Italia, ogni anno, vengano
vendute circa 50mila tra quelle
da caccia e armi da tiro sportivo

Vicepresidente e cofondatore dell’Istituto di ricerche internazionali Archivio Disarmo (Iriad), Maurizio Simoncelli è un noto esperto di geopolitica, oltre ad aver realizzato numerose ricerche sull'industria militare e sulle Forze armate italiane. E’ anche membro del Cisrsm (Centro interuniversitario di studi e ricerche storico-militari), e attualmente collabora come docente presso il Master di I livello Nuovi orizzonti di cooperazione e Diritto internazionale della Focsiv/Pontificia Università Lateranense.
A lui abbiamo chiesto di descriverci qual è lo stato delle cose rispetto alla diffusione delle armi leggere in Italia, tema che, come è noto, è molto sentito negli Stati Uniti, dove la proliferazione di questi strumenti di morte non è affatto regolamentata.

Professore, quante armi sono presenti nel nostro Paese? E con quali modalità vengono rilasciati i permessi? E come vengono poi monitorati dalle Istituzioni i soggetti che si trovano a gestire oggetti così pericolosi?
E’ difficile avere dei dati ufficiali da quella che dovrebbe essere l’Istituzione preposta a darli, ovvero il ministero dell’Interno. Dalle varie fonti che si hanno di tipo giornalistico, o di categoria, come per esempio l’Anpam, Associazione nazionale produttori di armi e munizioni, si stima che in Italia vengano vendute ogni anno circa 50mila tra armi da caccia ed armi da tiro sportivo, delle quali si calcola che il 10% della produzione italiana rimanga sul territorio nazionale e il restante 90% vada all’estero, prevalentemente verso gli Stati Uniti.
A questa cifra bisogna aggiungere circa 50mila guardie giurate. E infine i possessori di autorizzazioni a porto d’armi per uso sportivo, quindi che possono andare a sparare solo nell’ambito di aree attrezzate, come per esempio i poligoni di tiro. Circa dieci anni fa erano circa 187mila. Oggi risultano oltre 200mila in più.

Un aumento considerevole…
E l’anno scorso si diceva che eravamo arrivati a 347mila complessivamente. Questo dato va aggiunto al numero dei cacciatori, che sono circa 700-720mila, dotati di varie armi. Di solito non hanno un unico fucile ma diversi.
Detto questo, la legislazione italiana è abbastanza attenta e precisa. ... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari