home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 04:56

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio-Settembre/2016 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Il mondo del lavoro
Solidarietà : fondi bilaterali
di Giancarlo Laino


Per assicurare un sostegno al reddito in costanza di rapporto anche ai lavoratori occupati nei settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale, le organizzazioni sindacali e imprenditoriali comparativamente più rappresentative a livello nazionale possono stipulare accordi aventi ad oggetto la costituzione, presso l’inps, di fondi di solidarietà bilaterale da attivare nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per le cause presviste dalla legge.
Nel fondo bilaterale può confluire anche l’eventuale fondo interprofessionale istituito dalle medesime parti firmatarie. Ove le parti sociali non provvedano al riguardo, la tutela dei lavoratori è garantita dal fondo di integrazione salariale, istituito presso l’inps e di cui si dirà più oltre. I fondi devono essere costituiti per tutti i settori che non rientrano nel campo di applicazione del titolo I del D.Legs 148, in relazione ai datori di lavoro che occupano mediamente più di cinque dipendenti. Le prestazioni e i relativi obblighi contributivi non si applicano al personale dirigente se ciò non è espressamente previsto.
Il superamento della soglia dimensionale fissata per la partecipazione al fondo viene verificato mensilmente con riferimento alla media del semestre precedente.
Oltre al sostegno del reddito in costanza di rapporto, i fondi possono essere finalizzati:
- ad assicurare ai lavoratori una tutela integrativa rispetto a prestazioni connesse alla perdita del posto di lavoro o a trattamenti di integrazione salariale;
- a prevedere assegni straordinari per il sostegno del reddito, nel quadro dei processi di agevolazione all’esodo, a lavoratori che raggiungano i requisiti previsti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato nei successivi cinque anni;
- a contribuire al finanziamento di programmi formativi di riconversione o riqualificazione professionale, anche in concorso con fondi nazionali o europei.
Per le finalità di cui ai tre alinea precedenti possono essere istituiti fondi anche in relazione a settori e classi di ampiezza già coperti dalla normativa in materia di integrazione salalriali.
Per le imprese nei confronti delle quali trovano applicazione le disposizioni in materia di indennità di mobilità, gli accordi possono prevedere che il fondo di solidarietà sia finanziato, con decorrenza gennaio 2017, con un’aliquota contributiva pari allo 0,30% della retribuzione imponibile.
Inoltre, i fondi assicurano la prestazione di un assegno corrispondente alle integrazioni salariali, per una durata massima non inferiore a 13 settimane in un biennio mobile e non superiore, a seconda della causale invocata, ai periodi stabiliti dalla legge.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari