home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 05:10

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio-Settembre/2016 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Il mondo del lavoro
INAIL: comunicazione unica per inizio attività
di Giancarlo Laino


L’iscrizione all’Inail delle nuove imprese avviene tramite la comunicazione unica al registro delle imprese. La comunicazione unica vale quale assolvimento di tutti gli adempimenti amministrativi previsti per l’iscrizione al registro delle imprese ed ha effetto ai fini previdenziali, assistenziali, fiscali e per l’ottenimento del codice fiscale e della partita iva.
L’iscrizione all’INAIL tramite comunicazione unica è ammessa se l’azienda interessata inoltra contestualmente al registro delle imprese la domanda di iscrizione con immediato inizio dell’attività o la dichiarazione di inizio attività per l’impresa già iscritta. All’inoltro dei dati per via telematica, l’ufficio del registro imprese rilascia una ricevuta che consente all’imprenditore l’inizio immediato delle attivitàlavorative.
Il sistema informatico dell’Inail, rilascia altresì automaticamente il numero di codice cliente e di PAT ( posizione assicurativa territoriale).
Ai fini Inail, rientrano nell’ambito applicativo della comunicazione unica le modifiche e cessazioni di PAT relative a nuove sedi di lavoro e la cessazione del codice ditta, mentre sono escluse tutte le variazioni inerenti il rischio assicurato, nonché i dati retributivi.
La procedura non modifica i termini per la presentazione delle denunce d’esercizio e per le altre denunce previste, né i requisiti che devono possedere gli intermediari per svolgere gli adempimenti in materia di lavoro, previdenza e assistenza sociale. Per le agenzie di somministrazione l’Inail ha previsto l’utilizzo di una specifica procedura.
Qualora l’Inail venga a conoscenza che il datore di lavoro non ha provveduto alla denuncia dei lavori, lo diffida a sanare l’anadempienza entro il termine di 10 giorni. La diffida può scaturire sia da un verbale ispettivo, sia da altri accertamenti amministrativi. Contro il provvedimento è possibile ricorrere, entro lo stesso termine di dieci giorni, alla Direzione provinciale del lavoro nella cui circoscrizione si svolgono i lavori.
Trascorso il termine fissato nella diffida, senza che sia stato presentato il ricorso alla DTL, l’istituto emette un certificato di assicurazione o di variazione con la richiesta di pagamento dei premi.
I lavori a carattere temporaneo, esercitati da uno stesso datore di lavoro in più sedi di lavoro comprese ciascuna in diverse circoscrizioni territoriali dell’Inail e classificabili alla stessa voce di tariffa, il datore di lavoro presenta la denuncia di ogni lavoro e di ogni sua modificazione presso qualsiasi unità territoriale dell’Istituto.
La posizione assicurativa è unitaria per tutti i lavori classificabili nella stessa voce di tariffa ed è gestita dalla sede dell’Inail nella cui circoscrizione il datore di lavoro ha la sede legale.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari